Net neutrality, arriva il testo con le regole

a cura di Lara Reale *
pubblicato il 12 marzo 2015

Per chi vuole capire davvero come funziona la net neutrality, il testo delle regole approvato lo scorso febbraio è disponibile dal 12 marzo 2015, pubblicato dalla Federal Communications Commission. L’approvazione del provvedimento, lo scorso 26 febbraio ha destato grande interesse e dibattito, ora arrivano oltre 400 pagine di chiarimenti.

Nell’introduzione – che ribadisce l’importanza di una rete aperta come “critical tool” per lo sviluppo in ogni settore della società americana– la Fcc passa in rassegna oltre un decennio di lavoro a tutela della rete, ma anche i cambiamenti del panorama tecnologico e mediatico che hanno ribadito la convinzione del bisogno di più regole in un Paese che merita “more broadband, better broadband, and open broadband networks” ma anche l’urgenza dell’adozione di uno standard forte “per impedire la diffusione di nuove pratiche che potrebbero danneggiare l’apertura della rete”. Un miglioramento in ottica trasparenza che chiama in causa la commissione stessa per garantire correttezza verso le aspettative dei consumatori.

Nel punto II A, al titolo “Clear, Bright-Line rules”, il documento specifica ancora una volta il triplice no (blocking-throttling-paid prioritization) a potenziali disparità nei servizi, applicando le stesse regole sia per chi fornisce connessione a banda fissa che a banda mobile.

La trasparenza si estende ai consumatori ma anche ai provider con diritti per entrambi, ma anche con il dovere per i secondi di informare il più possibile su tariffe, supplementi e trattamento dei dati. Non manca poi un richiamo anche all’alto tasso di partecipazione che la riforma ha riscontrato, con quattro milioni di commenti dopo il lancio dell’iniziativa di riforma, giunta al successo lo scorso febbraio.

fonte: Wired

approfondimenti:

http://transition.fcc.gov/Daily_Releases/Daily_Business/2015/db0312/FCC-15-24A1.pdf

 http://www.wired.it/topic/net-neutrality/

(*) Lara Reale
Giornalista Scientifica
Redazione Web Arcidiocesi di Torino
© Riproduzione Riservata