Appuntamenti

di Lara Reale *
pubblicato il 9 marzo 2013
Appuntamenti

Progetto di orientamento al volontariato nel mondo della sofferenza

Torino, da giovedì 7 marzo 2013

Prende il via giovedì 7 marzo il «Progetto di orientamento al volontariato nel mondo della sofferenza», promosso dall’Associazione «I giullari di Dio» in collaborazione con il Centro servizi per il volontariato di Torino (VSSP) e gli uffici pastorali Caritas, Salute e Giovani dell’Arcidiocesi.

L’iniziativa è rivolta a venti giovani tra i 18 e i 28 anni. Ad ogni partecipante è richiesta la presenza al progetto complessivo, che comprende:

5 incontri di preparazione e formazione;
il servizio a Lourdes in qualità di accompagnatori di malati e disabili;
un incontro successivo di verifica e di proposta.

Gli obiettivi del percorso sono:

1. accompagnare i giovani alla conoscenza del mondo della fragilità;
2. formare i giovani al volontariato, in particolare nell’assistenza alla persona sofferente o in difficoltà;
3. mettere i giovani in contatto solidaristico con le fasce deboli della società attraverso la conoscenza di associazioni di volontariato specifiche che già operano nel settore;
4. far sì che, dopo questo percorso di formazione e di esperienza, i giovani in questione trovino lo slancio per rendersi utili al volontariato attraverso impegni continuativi all’interno di specifiche associazioni e/o attraverso servizi occasionali per aiutare alcune associazioni in prossimità di iniziative specifiche.

PROGRAMMA:
Giovedì 7 marzo 2013 (ore 17.30 – 19.00) presso i locali Lu.Me., in c.so Mortara 46/c a Torino:
Presentazione del progetto, descrizione degli ambiti di intervento e primi cenni delle realtà di volontariato attive sul tema. Il servizio accanto a chi soffre.

Mercoledì 13 marzo 2013 (ore 20.30 – 22.30) presso Suore Missionarie della Consolata,  in via Crea 15, a Grugliasco (To):
Primo incontro per conoscere l’associazione proponente, «I giullari di Dio». Tema: dono ed affidamento.

Giovedì 21 marzo 2013 (ore 17,00 – 19.30) presso Cottolengo in via Cottolengo 14, Torino:
Servizio: cos’è? (vedo-sento-conosco) – prima esperienza in situazione, dialogo con i volontari già impiegati, incontro con i beneficiari.

Giovedì 11 aprile 2013 (ore 17.30 – 19.00) presso i locali Lu.Me., in c.so Mortara 46/c, a Torino:
Il mio servizio è un dono – introduzione allo stage di servizio a Lourdes.

Mercoledì 17 aprile 2013 (ore 20.,30-22.30) presso Suore Missionarie della Consolata, in via Crea 15, a Grugliasco (To):
Secondo incontro per conoscere l’associazione «I giullari di Dio». Tema: la sensibilità alla bellezza.

Giovedì 25 aprile mercoledì 1 maggio 2013:
Pellegrinaggio a Lourdes con il Treno ammalati. I giovani del progetto saranno accompagnati da animatori adulti facenti funzioni di tutors.

Al ritorno dal Pellegrinaggio a Lourdes sarà organizzato un incontro di verifica e proposta:
«Il mio servizio è stato»: condivisione dell’esperienza vissuta, difficoltà, successi e fatiche. La motivazione al volontariato e riflessioni.
«Il mio servizio sarà»: presentazione delle realtà di volontariato che svolgono attività nel mondo della sofferenza.

Segreteria organizzativa:

Ivan Raimondi – Arcidiocesi di Torino Pastorale Salute — Caritas Diocesana, via Val della Torre 3, a Torino, tel. 011.51.56.362—fax 011.51.56.359, e-mail: salute.progetti@diocesi.torino.it; sito: ww.diocesi.torino.it/salute.

Modalità di iscrizione: compilare la scheda di adesione scaricandola dal sito e inviarla alla segreteria organizzativa entro giovedì 14 febbraio 2013.

 

XXIV Giornata Caritas diocesana: «Allèàti! Riempire il vuoto con legami di fraternità»

Torino, sabato 9 marzo 2013

Sabato 9 marzo 2013, al Teatro Grande Valdocco, in via Sassari 28 b,  a Torino, si celebra la XXIV Giornata Caritas diocesana sul tema «Allèàti! Riempire il vuoto con legami di fraternità».

La crisi ha preso stabile dimora in mezzo a noi. Ce lo dice l’intuito. Ce lo dice la crescita dei numeri di persone e famiglie che si trovano a dover fare i conti per poter arrivare a fine mese. Ma sarebbe una grave superficialità pensare che questa crisi sia solo un fatto economico e finanziario.

È molto di più: è fenomeno che investe anche i modelli di uomo e società, di sviluppo ed etica che abbiamo vissuto nei decenni passati. Passo dopo passo, ci siamo trovati in una sorta di nuova era: l’era del vuoto. Sentirsi incompleti è la normalità dell’esperienza di ogni persona. Sentirsi svuotati dentro è, invece, l’esito deleterio della crisi. È un vuoto che ti toglie il senso della vita, che ti fa sentire inutile ed incapace, che ti mette a lato del vivere, che ti induce a troncare le relazioni. Cose tutte che le nostre comunità cristiane stanno avvertendo con sempre maggiore apprensione. È possibile fare qualcosa di concreto e strutturale per riempire il vuoto che ci assedia?

La XXIV Giornata Caritas vorrebbe offrire qualche elemento e qualche riflessione per aiutarci a capire che, si, c’è una soluzione. Che si chiama fraternità. Ma che va costruita insieme, alleandoci tra noi, facendo squadra, camminando e lavorando insieme. Quindi alleàti è l’orizzonte per poter avere futuro. E allèati è l’imperativo pastorale su cui possiamo investire. E il vuoto potrebbe diventare generativo di una nuova vita, più piena.

Programma:

dalle 8.30 alle 9.00:
Arrivi, sistemazione, saluti e presentazione della mattinata
ALLEANZA FRATERNA PER ANDARE OLTRE IL TERREMOTO DELL’EMILIA: Giuseppina Caselli, direttrice Caritas Modena-Nonantola (testimonianza)

In osservazione:
IL VUOTO, LE SOLITUDINI, L’INDIVIDUALISMO: DA DOVE SIAMO PARTITI E COSA CI RISERVA IL TEMPO DI CRISI PER IL FUTURO?: Silvano Petrosino, professore di Filosofia della comunicazione all’Università Cattolica di Milano

In ascolto:
LI TRAEVO CON LEGAMI DI BONTÀ, CON VINCOLI DI AMORE: DIO COME ALLEATO – Lettura orante della Parola: don Maurizio De Angeli, moderatore della Curia torinese

Verso le 11.15:   Pausa caffè

In discernimento:
IL VUOTO IN TORINO: SINTESI DI UNA SITUAZIONE IN CONTINUO CAMBIAMENTO – Videocomunicazione

L’ALLEANZA DEI BATTEZZATI: PROSPETTIVE PER UN MODELLO RINNOVATO DI SERVIZIO NELLA CHIESA TORINESE: Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo

Al servizio dell’animazione:
ALLEANZA: MÈTA E METODO DI LAVORO PER I VOLONTARI: Tiziana Ciampolini, responsabile Osservatorio Povertà e Risorse Caritas Torino

Alle 12.45:
Saluti e arrivederci al 2014 (29 marzo)

Il convegno in occasione della XXIV Giornata Caritas è aperto a tutti i volontari ed operatori della carità, ai parroci, diaconi, religiosi, operatori pastorali e alle singole persone interessate alla animazione e alla carità. È considerata possibilità per l’aggiornamento dei Ministri Straordinari della Comunione (per i quali è previsto il “rinnovo”). Ampia possibilità di posti a sedere.

Non è richiesta prenotazione previa, né quota di partecipazione. È gradito un contributo liberale per le spese sostenute. Sarà richiesta la compilazione di una scheda di presenza con eventuali suggerimenti.

La sede del convegno è raggiungibile in automobile da via Francesco Cigna. Le linee di trasporto pubblico urbano più comode sono: tram 3, 10 e 16 (fermata del Rondò della Forca); bus 52, 60, 72, 72 barrato (stessa fermata). La stazione ferroviaria più vicina è Porta Susa (proseguire poi con il tram 10).

Per informazioni:
Caritas Diocesana Torino, tel. 011.5156350 (feriali al mattino), e-mail: caritas@diocesi.torino.it, web site: www.caritas.torino.it

 

«La malattia mentale. Come stare lontani»: incontro con il prof. Risatti

Torino, 13 marzo 2013

Prende il via giovedì 7 marzo il «Progetto di orientamento al volontariato nel mondo della sofferenza», promosso dall’Associazione «I giullari di Dio» in collaborazione con il Centro servizi per il volontariato di Torino (VSSP) e gli uffici pastorali Caritas, Salute e Giovani dell’Arcidiocesi.

 

«Il professionista e … riflessioni a partire dalla pratica quotidiana»: proposta dell’Associazione «Medicina e Persona»

Milano, 13 marzo – 12 giugno 2013
Si articola in sei incontri, tra il 13 marzo e il 12 giugno 2013, il corso 2013 organizzato a Milano dall’Associazione «Medicina e Persona».

Fin dal suo sorgere l’Associazione ha sempre avuto particolare attenzione al tema del disagio dei professionisti e di ciò che è necessario e possibile fare per rivitalizzare profondamente l’ambito delle professioni sanitarie e delle istituzioni dedicate alla cura delle persone.
In continuità con quanto fatto finora, Medicina e Persona promuove anche quest’anno una Scuola, cioè uno spazio di riflessione e di studio aperti a tutti coloro che lavorano nell’ambito della salute.
Sono invitati a partecipare tutti coloro che intendono rimettere a tema i fondamentali dell’organizzazione della cura, per iniziare un percorso di sviluppo delle competenze che – oltre a quelle tecniche – sono necessarie per lavorare nelle organizzazioni sanitarie.

Il Corso avrà per tema: «Il professionista e … riflessioni a partire dalla pratica quotidiana».

Calendario delle lezioni 2013: 13 marzo, 3 aprile, 24 aprile, 8 maggio, 22 maggio, 12 giugno (eventuali variazioni saranno tempestivamente comunicate e aggiornate sul sito dell’Associazione).

Sede: presso Centro Culturale di Milano, Via Zebedia 2.

Lezioni:
«Il professionista e … il sistema sanitario»
Riflessioni sulle ricadute nella pratica professionale delle scelte di sistema. Incontro-confronto con Gabriele Pelissero (direttore Scientifico IRCCS Policlinico San Donato)

«Il professionista e … il governo delle cure»
Riflessioni sulle ricadute nella pratica professionale dei nuovi percorsi di cura e dei nuovi profili organizzativi. Incontro-confronto con Andrea Neri (direttore Sanitario Presidio Ospedaliero di Ravenna)

«Il professionista e … gli altri professionisti»
Riflessioni sulle ricadute nella pratica professionale della crescente multi-professionalità. Incontro-confronto con Alessandra Saggin (docente SDA Bocconi, Area Public Management and Policy)

«Il professionista e … il suo sapere»
Riflessioni sulle ricadute nella pratica professionale delle “nuove” idee di competenze professionali e di lavoro condiviso. Incontro-confronto con Giorgio Cerati (direttore Dipartimento Salute Mentale, A.O. Legnano)

«Il professionista e … il suo paziente» 
Riflessioni sulle ricadute nella pratica professionale dei “nuovi” diritti dei pazienti. Incontro-confronto con Elisa Buzzi (docente di Filosofia Morale, Dipartimento di Specialità Medico-Chirurgiche, Università di Brescia)

«Il professionista e … i nuovi assetti organizzativi»
Riflessioni sulle ricadute nella pratica professionale dei “nuovi” assetti organizzativi. Incontro-confronto con Paolo Rotondi (docente SDA Bocconi, Area Public Management and Policy)

Ogni lezione avrà la durata di 2 ore (18.30-20.30) con la proposizione di tesi e con domande al pubblico. Seguirà uno spazio di approfondimento e discussione. A questo scopo il corso sarà limitato a 100 partecipanti per favorire la discussione e l’elaborazione dei contenuti.

Quota di iscrizione IVA inclusa: € 70,00 – Soci M&P in regola con la quota associativa 2013; € 120,00 – non Socio M&P.

Accreditamento ECM: previsto per tutte le figure professionali.

Responsabile Scientifico del Corso: dott. Paolo Rotondi

Segreteria Scientifica: Associazione Medicina e Persona, Via Melchiorre Gioia 171, 20125 Milano – tel.: 0267382754 – fax: 0267100597, e-mail: segreteria@medicinaepersona.org

Segreteria Organizzativa: Limes Srl, Via Melchiorre Gioia 171, 20125 Milano – tel.: 026697911 – fax: 0267100597, email: segreteria@limesmed.com

 

«Medici: impiegati, dirigenti o professionisti?»: incontro dell’Associazione «Medicina e Persona»

Milano, 14 marzo 2013

Giovedì 14 marzo 2013, alle 18, nell’Aula Magna della Clinica Mangiagalli, in via Commenda 12, a Milano, l’Associazione «Medicina e Persona» propone un incontro intitolato «Medici: impiegati, dirigenti o professionisti?».

Fare il medico oggi è un lavoro che richiede un cambiamento continuo. Le esigenze della società e il bisogno di salute sono diversi da come erano solo pochi anni fa. Quello che serve a chi incomincia oggi è la consapevolezza di cosa voglia dire che la Medicina è professione. In Italia come nel resto del mondo.

Interverranno:

Luca Ferri, dirigente Medico, U.O. Cardiologia, Ospedale Manzoni di Lecco

Marco Sinisi, consultant Peripheral Nerve Surgeon, head of Dept. PNI Unit, Royal National Orthopaedic Hospital London

Ruben Balzarotti, caposervizio Chirurgia Viscerale, Oncologica e Mini-invasiva, Ente Ospedaliero   Cantonale, Ospedale Regionale Bellinzona e Valli

Giancarlo Cesana, professore Ordinario di Igiene Generale e Applicata presso Università della Bicocca; presidente Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano

Per informazioni: «Associazione Medicina e Persona» via Melchiorre Gioia 171, 20125 Milano – tel.: 0267382754 – fax: 0267100597, e-mail: segreteria@medicinaepersona.org

 

«Diritti umani e dignità della persona»: conferenza del dottor Giuseppe Anzani

Torino, 14 marzo 2013

Giovedì 14 marzo 2013, alle 21, presso il Salone Teatro della Parrocchia Crocetta (Beata Vergine delle Grazie) in Torino, via Marco Polo 6, il dott. Giuseppe Anzani (già pres. Tribunale di Como) tiene una conferenza su «Diritti umani e dignità della persona».

Verranno anche date informazioni sulla importante iniziativa europea dei cittadini «Uno di Noi – One of us» a tutela della vita umana (info su www.unodinoi.mpv.org ).

Per questioni organizzative è gradita la segnalazione di presenza a: info@vitatorino.org oppure al telefono 011-5682906 dalle 13 alle 17.

 

«Dio chi?» alla Cattedrale del Dialogo

Torino, 14 marzo 2013

Giuseppe Ruggieri e Gustavo Zagrebelsky sono i protagonisti del terzo incontro della Cattedra del Dialogo a Torino, giovedì 14 marzo alle ore 21 (sala Conferenze del Museo Regionale di Scienze Naturali, in via Giolitti 36).

Quest’anno l’iniziativa culturale, promossa dalla Pastorale per la Cultura e Comunicazioni Sociali dei Vescovi Piemontesi, affronta il tema generale: «Fede, orizzonte per vivere».

Protagonisti due relatori che affronteranno il tema da angolature e sfumature differenti, partendo dalla propria esperienza personale.

Don Pino Ruggieri è professore emerito di Teologia (Studio Teologico di Catania) ed è membro della Fondazione per le scienze religiose di Bologna, della quale dirige la rivista «Cristianesimo nella storia». Ha insegnato presso l’Università Gregoriana di Roma e presso la Facoltà di Teologia cattolica di Tubinga. Autore di numerose pubblicazioni, saggi, studi, relazioni. Tra i suoi libri più recenti: «Prima lezione di teologia» (Laterza, 2011) e «Ritrovare il Concilio» (Einaudi, 2012).

Gustavo Zagrebelsky, giurista, è professore emerito dell’Università di Torino, dove insegna Diritto costituzionale e Teoria generale del diritto pubblico. Dal 1995 al 2004 è stato giudice della Corte costituzionale e alla scadenza del mandato è stato nominato Giudice e Presidente emerito. È socio dell’Accademia delle Scienze di Torino e dell’Accademia nazionale dei Lincei, socio corrispondente dell’Accademia delle Scienze del Cile. È stato collaboratore de «La Stampa» ed è attualmente firma de «la Repubblica». È presidente onorario dell’associazione Libertà e Giustizia e presidente di Biennale Democrazia (prossima edizione a Torino 10-14 aprile 2013). Tra le sue ultime pubblicazioni: «L’esercizio della democrazia» (Codice Edizioni 2010), «Sulla lingua del tempo presente» (Einaudi 2010), «Giuda. Il tradimento fedele» (Einaudi 2011).

Introduce la serata, dopo lo stacco musicale curato dalla pianista Chiara Bertoglio, Maurilio Guasco, professore emerito dell’Università Piemonte orientale, teologo, storico, studioso del Concilio Vaticano II.

La Cattedra è sostenuta dalla Fondazione CRT. È organizzata in collaborazione con la Cei – Progetto Culturale. Ha ottenuto il patrocinio dell’Arcidiocesi di Torino e del Comune di Torino. Ingresso libero.

Per info: Commissione regionale Comunicazioni Sociali, tel. 0115623423 – 340.100.72.22, email: cattedradeldialogo@agdonline.it.

 

«La relazione d’aiuto»: due corsi residenziali della Consulta regionale per la Pastorale della Salute

Torino, venerdì 15 e sabato 16 marzo 2013

La «relazione d’aiuto» è il tema di due corsi residenziali che la Consulta regionale per la Pastorale della Salute, in collaborazione con l’ufficio Pastorale Salute di Torino, la Caritas diocesana e i due Tavoli pastorali (Salute Mentale e Lutto) organizza venerdì 15 e sabato 16 marzo presso Villa Lascaris a Pianezza (To).

Il tema «relazione d’aiuto» verrà declinato in due argomenti diversi, ognuno dei quali corrispondente ad un corso: «Sofferenza psichica» e «Lutto». Vi saranno quindi due corsi tematici che procederanno in parallelo, ognuno con i propri docenti.

I corsi sono dedicati in particolar modo agli operatori che debbono interagire con persone fragili, in condizione di malattia o sofferenza, ad esempio gli operatori sanitari e gli assistenti religiosi presenti nelle strutture ospedaliere o socio-assistenziali, ma anche i ministri straordinari della Comunione.
La metodologia è di tipo seminariale: confronto, dibattito e altro ancora. Proprio per facilitare il raggiungimento degli obiettivi didattici, i partecipanti (non più di 30 per corso) dovranno risiedere stabilmente a Pianezza per tutta la durata dell’attività formativa.

È possibile reperire sul sito dell’Ufficio Pastorale Salute di Torino (www.diocesi.torino.it/salute) la scheda di iscrizione, e inviarla presso la segreteria organizzativa (dott. Ivan Raimondi, telefono 011.51.56.362, email salute.progetti@diocesi.torino.it).  Sono stati richiesti, per entrambi i corsi, 18 crediti ECM per tutte le professioni sanitarie.

– Programma Corso sulla sofferenza psichica:

Venerdì 15 marzo
9.00 : Il Tavolo Diocesano Salute Mentale si presenta
9.30 : «Un approccio pastorale alla sofferenza psichica», dott. Pierluigi Dovis – direttore Caritas diocesana
10.00 : «La storia della follia – I parte», prof. Paolo Henry – docente di Psichiatria Sociale presso l’università di Aosta
11.00 : Pausa
11.30 : «La storia della follia – II parte», prof. Paolo Henry – docente di Psichiatria Sociale presso l’università di Aosta

12.45 : Pausa pranzo
14.00 : «Il disturbo psichico nell’età giovanile», dott.ssa Elena Comba –  psicoterapeuta associazione AMOS
15.00 : «Il disturbo psichico e l’età adulta-anziana», dott. Romeo Specchia – psicoterapeuta Centro studi «Il Sestante» Ist. Psic. Indiv. «A. Adler»

16.00 : Pausa

16.30 : «La risorsa spirituale nella sofferenza psichica», dott. Antonio Filiberti – direttore Dipartimento SC psicologia ASL 14 Omegna

18.00: conclusione prima giornata di formazione

Dopo la cena, intorno alle 21.00, proiezione film con dibattito.

Sabato 16 marzo:
900: «La relazione d’aiuto, tra sofferenza psichica e precarietà», dott. Roberto Cardaci – sociologo, responsabile settore ricerca coop. Solaris

11.00 : Pausa

11.30 : «Comunità, famiglia e sofferenti psichici», dott.ssa Daniela Panero – docente comandata al Gruppo Abele
12,45 : Pausa pranzo

14.00 : «La relazione d’aiuto verso le famiglie», dott.ssa Rosaria Sardella – psichiatra, responsabile Gruppo Famiglia DSM ASLTO1

15.30 : Pausa

16.00 : «La relazione d’aiuto verso i sofferenti psichici», dott. Domenico Nano – direttore Dipartimento Salute Mentale ASL NO – AOU Novara Psicoanalista SPI

17.30 : verifica e questionari

 

Programma Corso su relazione d’aiuto nel lutto:

Venerdì 15 marzo (ore 9.00 – 18.00)

Condotto da don Marco Brunetti (direttore ufficio Pastorale Salute di Torino ) e dal Tavolo Diocesano per la Pastorale del Lutto.

Programma indicativo: il Tavolo Diocesano per la Pastorale del Lutto, l’esperienza dell’auto-mutuo aiuto, il ruolo dei facilitatori, le difficoltà incontrate, la possibilità di replicare l’esperienza. Presentazione del sussidio sull’accompagnamento nel lutto e quanti hanno preso parte alla sua realizzazione.

Nella serata di venerdì, dopo la cena, intorno alle 21.00, prevista proiezione di film con dibattito.

 

Sabato 16 marzo (ore 9.00 – 18.00)

Condotto dal dott. Luigi Colusso, esperto nazionale di auto-mutuo aiuto.

Programma indicativo: differenze tra lutto e cordoglio; dinamiche famigliari, crisi di identità e caratteristiche di genere; l’accoglienza delle persone / famiglie; il colloquio con persone in lutto, scopi e tipologie; inserimento e uscita dai gruppi di mutuo aiuto; elaborazione del lutto e recupero di identità famigliari e sociali appropriate; motivazioni per una sensibilizzazione e formazione della comunità locale in generale e della comunità cristiana in particolare.

 

«I problemi della vita alla luce della fede»: incontro a Santa Rita

Torino, venerdì 15 e sabato 16 marzo 2013

La «relazione d’aiuto» è il tema di due corsi residenziali che la Consulta regionale per la Pastorale della Salute, in collaborazione con l’ufficio Pastorale Salute di Torino, la Caritas diocesana e i due Tavoli pastorali (Salute Mentale e Lutto) organizza venerdì 15 e sabato 16 marzo presso Villa Lascaris a Pianezza (To).

 

«La relazione d’aiuto»: due corsi residenziali della Consulta regionale per la Pastorale della Salute

Torino, 16 marzo 2013

Sabato 16 marzo, ore 9-12, presso la parrocchia Santa Rita di Torino, si tiene il terzo e ultimo incontro del corso «I problemi della vita alla luce della fede», organizzato da Aimc Torino.

Docenti: padre Lorenzo Gilardi e diac. avv. Arturo Baudo.

Le adesioni si raccolgono esclusivamente via e-mail al sito dell’AIMC www.aimctorino.altervista.org . La partecipazione prevede un contributo di € 25 per l’intero corso e la gratuità per i soci AIMC.

Per info: Associazione Italiana Maestri Cattolici, corso Matteotti 11 – Torino, cell. 366.52.80.563 (operativo da lunedì a venerdì dalle ore 15.00 alle ore 17.00), email: aimc2@tiscali.it.

 

I Lunedì dell’Amci e dell’associazione Bioetica Torino «In tempo di crisi… Sanità tra territorio e ospedale»

Torino, lunedì 18 marzo 2013

Proseguono a marzo gli incontri promossi dall’Associazione medici cattolici italiani (Amci) e dall’associazione Bioetica Torino per riflettere sul tema: «In tempo di crisi… Sanità tra territorio e ospedale». Il terzo e ultimo appuntamento si tiene lunedì 18 marzo, dalle 17.30 alle 20.30, presso la Facoltà Teologica dell’Italia settentrionale, in via XX Settembre 83, a Torino.

Programma:

ore 17.30-18.10: «L’area critica… in tempo di crisi»

ore 18.10-18.50: in Rianimazione – PierPaolo Donadio; in Pronto Soccorso – Massimiliano Caccetta

ore 18.50-19.40: «Prospettive bioetiche… in tempo di crisi»

ore 19.40-20.00: Paolo Merlo

ore 20.00-20.30: Dibattito e valutazione.

Il Corso è rivolto a medici e operatori sanitari per «indagare quanto la Sanità viva il tempo di crisi, in cui il cittadino e il paziente, in quanto persona, rimane sempre al centro dell’attività sanitaria».

Crediti ECM: è stata inoltrata la richiesta di crediti ECM presso la Regione Piemonte (Accreditamento Regionale). Il conseguimento dei crediti ECM è subordinato alla presenza a tutti i tre incontri (il primo si è tenuto il 14 gennaio, il secondo il 18 febbraio) e al superamento della verifica finale.

Segreteria organizzativa e informazioni:  Maria Grazia Sinibaldi – e-mail: grazia.sinibaldi@tiscali.it; fax: 011-4473299, tel. 339-4290588.

Modalità di iscrizione: via e-mail o fax presso la segreteria organizzativa.
Il corso è a numero chiuso per 60 iscritti.

Quota d’iscrizione: € 30 con versamento da effettuare tramite bonifico bancario oppure presso la Segreteria del Corso.

 

«La domanda di cura oggi. A 400 anni dalla morte di San Camillo»: giornata di studi

Torino, giovedì 21 marzo 2013

Sabato 16 marzo, ore 9-12, presso la parrocchia Santa Rita di Torino, si tiene il terzo e ultimo incontro del corso «I problemi della vita alla luce della fede», organizzato da Aimc Torino.

«La relazione d’aiuto»: due corsi residenziali della Consulta regionale per la Pastorale della Salute

Torino, 16 marzo 2013

Si tiene giovedì 21 marzo 2013, dalle 8 alle 17.30, presso il Centro Congressi del Santo Volto, in via Nole angolo via Borgaro a Torino, il convegno «La domanda di cura oggi. A 400 anni dalla morte di San Camillo».

La giornata di studi, organizzata dal Centro Camilliano di Pastorale della Salute e dal Presidio Sanitario San Camillo di Torino, gode del patrocinio di: Facoltà di Medicina, Arcidiocesi di Torino – Ufficio Pastorale della Salute, Centro Cattolico di Bioetica, Amci, Associazione Bioetica & Persona.

Programma:

8.00 – 8.30: Registrazione dei partecipanti

8.30 – 9.00: Saluto delle Autorità: Regione – Comune – Ordine dei Medici – Centro Cattolico di Bioetica – Ufficio Diocesano di Pastorale della Salute

9.00 – 09.15: Introduzione-Saluto: Renato Salvatore, Padre Generale Camilliani

9.15 – 10.15: Lettura Magistrale su «Il rapporto di Gesù con i malati» di Enzo Bianchi, Priore Comunità Monastica di Bose

 

I Sessione / Moderatore: Enrico Larghero
10.15 – 11.00: «Il malato oggi: le sfide della bioetica» intervento di Renzo Pegoraro, Fondazione Lanza – Padova

11.00 – 11.15: Coffee-break

11.15 – 12.00: «Umanizzazione e Personalizzazione» intervento di Giorgio Cosmacini, storico della medicina

12.00 – 12.45: «Le nuove emergenze nel mondo della salute» intervento di José Carlos Bermejo, Camilliano, direttore Centro de Humanización de la Salud – Madrid

12.45 – 13.00: Dibattito

13.00 – 14.00: Lunch

 

II Sessione / Moderatore: don Marco Brunetti

14.00 – 15.30: Tavola rotonda su «I Carismi della carità nel mondo della cura».
Intervengono:
Adriano Moro, Camilliano – Piero Bottino, medico Presidio Sanitario S. Camillo – Teresa Audasso, infermiera Fatebenefratelli, e Riccarda Lazzari, ministra degli Infermi

15.30 – 16.15: «Aver cura del malato, accompagnare la sua speranza» intervento di Luciano Sandrin, Camilliano, professore Ordinario di psicologia della salute e della malattia

16.15 – 17.00: «Umanizzare i luoghi di cura» intervento di Gian Paolo Zanetta, amministratore unico Federazione Torino Sud-Est

17.30: Dibattito – Conclusioni – Test di verifica – Rilascio attestati
La partecipazione al Convegno è gratuita. L’iscrizione è obbligatoria. Accreditato ECM per tutte le professioni sanitarie.

Direttore del corso: Dr. Paolo Bruni; responsabile scientifico: dr. Enrico Larghero

Segreteria organizzativa: Mariella Oggioni, 333.8459893, edizioni@h-sancamillo.to.it – Giorgina Giolito, 011.8199567, 339.6920531, g.giolito@h-sancamillo.to.it – Maria Grazia Sinibaldi, 339.4290588, grazia.sinibaldi@tiscali.it

 

Esercizi spirituali radiofonici per ammalati su Radio Nichelino Comunità

Torino, lunedì 25, martedì 26 e mercoledì 27 marzo 2013

Lunedì 25, martedì 26 e mercoledì 27 marzo 2013 Radio Nichelino Comunità trasmette gli Esercizi spirituali radiofonici per ammalati ospedalizzati e non.

Frequenze: Torino e provincia – FM 107.400 MHz; Cuneo e provincia – FM 107.300 MHz
web: http://www.rncweb.it

 

Concorso dell’Unesco su «Bioetica e Arte»

Termine iscrizioni: lunedì 1° aprile e lunedì 1° luglio 2013

Nel 2013 l’Unesco bandisce il 2° Concorso annuale di «Bioetica e Arte», che chiama artisti di tutto il mondo a creare opere d’arte sul tema: «Creare un’immagine, nel rispetto di tutte le culture e le religioni, che parli dell’impatto che le scienze della vita hanno sulle generazioni presenti e future, illustrando l’amore, la compassione e la cura». Attraverso questo concorso gli artisti avranno la possibilità di esprimere il loro messaggio etico a livello internazionale.

I partecipanti possono presentare “on-line” opere d’arte nelle seguenti 3 categorie: dipinti, fotografia, studente (età 13 – 17).
Agli artisti vincitori saranno assegnati i seguenti premi:
dipinti: $ 5.000 per il primo classificato e $ 500 ai 4 successivi vincitori; fotografia: $ 5.000 per il primo classificato e $ 500 ai 4 successivi vincitori; studente: $ 1000 per il primo classificato e $ 100 ai 4 successivi vincitori.
Le opere vincitrici saranno esposte a New York (presso la sede delle Nazioni Unite), a Roma (nell’ Ateneo Pontificio Regina Apostolorum) e a Hong Kong durante la Conferenza della Cattedra Unesco sul Multiculturalismo e religione dal 3 al 5 dicembre 2013.

La scadenza per la presentazione “on-line” delle opere è il 1° aprile 2013 per i dipinti e le fotografie e lunedì 1° luglio 2013 per la categoria studente.

Per maggiori informazioni visitare il sito del Concorso «Bioetica e Arte»: www.bioethicsart.org

 

«Morte e Morire nella cultura contemporanea»: giornata di studio al Cottolengo di Torino

Torino, 12 aprile 2013

Venerdì 12 aprile, dalle ore 8.00 alle 17.00, presso la Sala Convegni della Piccola Casa della Divina Provvidenza in via Cottolengo 12 a Torino, il Centro di Formazione-Corso di Laurea in Infermieristica e di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche del Presidio Sanitario Ospedale Cottolengo di Torino organizza una giornata di studio dal titolo «Morte e Morire nella cultura contemporanea».

Razionale e obiettivo:

L’uomo è un animale storico che, per dare significato alla sua esistenza, sente di doversi autorealizzare in una tensione in avanti (esistere = essere tesi innanzi). L’uomo sa anche, però, di dover morire; ed è l’unico animale a saperlo. E qui si scontra con la drammaticità del vivere. «Perché se son nato, non è per sempre?» (Ionesco, «Il re muore»).

Noi tutti abbiamo paura del nostro essere mortali e, allora, combattiamo la morte inventandoci modalità per non pensarci, affidandoci, così, paradossalmente, alla morte stessa. Come colui che, preso dal senso di vertigine, si getta nel baratro che teme.

La giornata di studio intende affrontare questa tematica, di rilevante valore antropologico e non solo, declinandola in interventi propri alle varie discipline, volti da una parte a decifrare lo status quaestionis nel mondo contemporaneo e, dall’altra, a offrire letture e suscitare interrogativi in chi è particolarmente chiamato ad accostare l’esperienza della morte e del morire nel proprio ambito professionale.

Destinatari
Tutte le professioni sanitarie
Studenti del Corso di Laurea triennale in Infermieristica
Studenti del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche

 

Programma 

08.00 Registrazione partecipanti

08.15 Saluti da parte del responsabile del Centro di Formazione (A.M. Derossi )

08.30 Presentazione e obiettivi della giornata di studio (G. Marmo)

08.45 «Morte e morire nella cultura contemporanea: panorami laici e religiosi» (P. Scquizzato)

09.15 Breve intermezzo

09.30 «La nascita della morte: prospettive biologiche» (G. Sica)

10.15 Breve intermezzo

10.30 «Quando si può dire morte: status quaestionis sull’accertamento della morte» (P.P. Donadio)

11.15 Breve intermezzo

11.30 Dibattito con interventi preordinati da parte degli studenti

12.00 Pausa pranzo

13.00 «Accompagnare alla morte» (C.A. Raucci, D. Ceresa, F. Bassetti)

14.00 Breve intermezzo

14.15 «Dall’escatologia alla tecnologia: tecnologie d’immortalità» (M. Lombardi Ricci )

15.00 Breve intermezzo

15.15 «Morte “virtuale” o “reale”: una giornalista si interroga» (M.P. Bonanate)
16.00 Dibattito con interventi preordinati da parte degli studenti

16.30 Valutazione e conclusione del corso

Alla giornata di studio sono stati attribuiti n. 6 crediti Ecm. I posti accreditati Ecm per chi non è studente sono 100.

L’iscrizione può avvenire on line sul sito www.ecmpiemonte.it compilando la scheda apposita, che deve essere inviata alla segreteria organizzativa entro e non oltre il 29 marzo 2013 via fax o scannerizzata via e-mail. Le iscrizioni verranno accettate in ordine cronologico di arrivo.

La partecipazione è gratuita per studenti e religiose/i.
Per i professionisti sanitari del Presidio Sanitario Ospedale Cottolengo la quota di iscrizione, Iva compresa, è pari a 10 €. Per i professionisti sanitari esterni la quota di iscrizione, Iva compresa, è pari a     € 20,00.

Pagamento: da effettuarsi, dopo conferma della disponibilità di posti da parte della segreteria organizzativa, a mezzo bonifico bancario sul IBAN IT 47 Z 02008 01140 000003345915 Unicredit P.B. – Filiale di Torino Via Arsenale 21 Intestato a: Piccola Casa della Divina Provvidenza Cottolengo – Causale del versamento: «Morte e morire nella cultura contemporanea» (specificare anche il nome del partecipante).

L’iscrizione si intende perfezionata con l’invio di copia dell’avvenuto bonifico, via fax o scannerizzato via e-mail, alla segreteria organizzativa (tel. 011/5294.481, fax 011/5294.489, ecm@ospedalecottolengo.it ).

 

Corso di aggiornamento «Maternity care» per prendersi cura della maternità

Torino, 13 aprile 2013

Il Corso di aggiornamento «Maternity care» è alla sua seconda edizione: le relazioni dei docenti hanno come filo conduttore lo sguardo al figlio che nel suo venire al mondo chiede attenzione supplementare e riflessione sul senso della vita umana. Soprattutto se i parametri non sono quelli standard e se si profilano difficoltà di salute. Sulla base della ricerca scientifica e su quella di nuove esperienze concrete in ambito sanitario, il Maternity care continua a proporsi come sostegno alla maternità e paternità difficili.

Organizzazione: prof. Valter Boero – presidente Movimento per la Vita (MPV) di Torino, avv. Alberto Tibaudi – presidente Federazione regionale CAV E MPV

Responsabile del corso: prof.ssa Elena Vergani – psichiatra, già primario Spdc all’Ospedale Molinette di Torino.

Accreditamento ECM Provider (ID 173) – Università degli Studi di Torino: medico chirurgo, farmacista, biologo, psicologo, assistente sanitario, educatore professionale, infermiere, infermiere pediatrico, ostetrica/o.
A coloro che avranno regolarmente frequentato verrà rilasciato l’Attestato di Partecipazione al corso

Programma:

Mattino – moderatore: prof. Mario De Marchi, Università di Torino:
8.00 Registrazione
8.30 Presentazione del Corso
8.45 Lettura Magistrale «Responsabilità della genetica nello sviluppo della nuova medicina» prof. Giovanni Neri, ORDINARIO DI GENETICA MEDICA UNIVERSITÀ DEL SACRO CUORE – ROMA
9.45 Relazione «Genetica e ambiente» prof. Giovanni Battista Ferrero, GENETICA DELLO SVILUPPO UNIVERSITÀ DI TORINO
10.30 Dibattito
11.00 Pausa caffè
11.15 Relazione «Il figlio malato. Le cure pre e perinatali: la Comfort care» prof.ssa Elvira Parravicini, PEDIATRA NEONATOLOGA COLUMBIA UNIVERSITY, USA
12.00 Relazione «Il figlio sano. Giusto desiderio o assoluto diritto?» dott.ssa Carla Corbella, FILOSOFA E TEOLOGA FACOLTÀ TEOLOGICA ITALIA SETTENTRIONALE – TORINO
12.45 Dibattito

13.15 Pausa pranzo

Pomeriggio – moderatore: Dr. Enrico Larghero, direttore master universitario di Bioetica a Torino:
14.30 Relazione «Riflessioni biomediche ed etiche sull’inizio della vita. Teorie a confronto» prof. Lucio Romano, GINECOLOGO UNIVERSITÀ FEDERICO II – NAPOLI
15.15 Relazione «Paternità negata» prof. Antonello Vanni, EDUCATORE E BIOETICISTA
16.00 Relazione «La relazione madre-figlio e padre-figlio nella fase prenatale: confronto sulle esperienze di una ‘Scuola di Maternità’» dott.ssa Paola Castagna OSPEDALE OSTETRICO GINECOLOGICO SANT’ANNA TORINO
17.00 Dibattito e conclusioni

17.30 Verifiche ECM
17.45 Chiusura incontro

Le iscrizioni debbono pervenire alla Segreteria entro il 31 marzo 2013 con versamento di euro 50,00 con ECM o euro 40,00 senza ECM; quota di partecipazione per volontari CAV E MPV DELLA FEDERVIPA e studenti universitari euro 20,00 (pranzo incluso).
La scheda di iscrizione è scaricabile da www.vitatorino.org o www.mpv.org o www.federvipa.org

Segreteria organizzativa: presso MPV di Torino, corso Trento 13 – tel 345 34 59 308 / fax 011.5682.906 info@vitatorino.org lun-mar-gio-ven, dalle 13.30 alle 17.00 mercoledì, dalle 9.00 alle 17.00

 

Incontro con il mondo delle disabilità e convegno su «Il dolore della mente»

Torino, maggio 2013

A maggio 2013 l’Ufficio diocesano per la Pastorale della Salute organizza, in collaborazione con Caritas diocesana, un incontro e S. Messa con il mondo delle disabilità. Nello stesso contesto si tiene il convegno «Il dolore della mente».

Per informazioni: Ufficio per la Pastorale della Salute, via Val della Torre 3 a Torino (orario al pubblico dal lun. al ven. h. 9/12), tel. 011/51.56.360, web: www.diocesi.torino.it/salute

 

«La Bioetica, crocevia tra Fede, Ragione e Scienza»: corso estivo di aggiornamento dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum

Roma, 1-12 luglio 2013

Dall’1 al 12 luglio 2013, nella sede dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, in via degli Aldobrandeschi 190, a Roma, si svolge il corso estivo di aggiornamento in Bioetica organizzato dalla Facoltà di Bioetica in collaborazione con l’Istituto di Scienza e Fede e l’Istituto Superiore di Scienze Religiose.

Il tema del corso sarà: «La Bioetica, crocevia tra Fede, Ragione e Scienza».
Le problematiche studiate dalla Bioetica sono spesso connesse con i progressi delle scienze  biologiche e mediche. Ma non possono essere ridotte alla razionalità scientifica. La soluzione etica di dilemmi che riguardano la vita e la morte, la guarigione e la sofferenza, la relazione tra le persone, etc., non può prescindere dalla propria visione della realtà. Visione che può essere aperta o chiusa alla Trascendenza; di sola ragione o di ragione illuminata dalla fede.

Il Corso si propone come uno sforzo di analisi di queste relazioni profonde e come una piattaforma di dialogo tra visioni diverse, anche contrapposte, in funzione della ricerca sincera del miglior bene per tutti.

Il corso è articolato in due moduli tematici. È possibile partecipare a tutto il corso, oppure a uno dei moduli. I partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione.
Nel primo modulo verranno trattate questioni di base: rapporto fede e ragione; la relazione tra la scienza e la ragione filosofica; lo scientismo; scienza e tecnologia di fronte alla vita umana; la questione della bioetica laica e quella cattolica; l’approfondimento teologico della bioetica; la bioetica nel Magistero cattolico; legge morale e bioetica; la bioetica nelle diverse visioni religiose; l’applicazione pastorale della bioetica, etc.
Il secondo modulo affronterà alcuni problemi specifici della bioetica alla luce delle diverse visioni di fondo: dalla questione dell’embrione umano alle tematiche di fine vita; dalla procreazione alla custodia dell’ambiente; le manipolazioni genetiche e l’eugenetica, etc.

Le lezioni saranno tenute dai docenti della Facoltà di Bioetica, con la partecipazione di altri docenti ed esperti provenienti da diversi Paesi. Oltre alle lezioni verranno organizzati incontri e attività di riflessione e discussione, favorendo la partecipazione attiva di tutti i corsisti.

Il corso è indirizzato a tutte le persone interessate ai temi della bioetica, operatori nel settore sanitario, docenti e laureati di tutte le discipline. Gli studenti di licenza o dottorato in Bioetica regolarmente iscritti alla Facoltà possono partecipare: verrà loro accreditata, se superata la prova scritta corrispondente, nel loro curriculum accademico con 3 crediti (4 ECTS) per ogni singolo modulo. È prevista, per ogni modulo, un’unica prova scritta che si svolgerà alla fine di ogni singolo modulo.

Per informazioni contattare:
Emmanuele Di Leo, responsabile Promozione e Comunicazione Facoltà di Bioetica, Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, tel. +39 0666543931, cell. +39 349 8167543, email: edileo@upra.org , facebook: Emmanuele Di Leo.

 

Premio per la Cultura «Luigina Parodi» dedicato ai giovani tra i 14 e i 20 anni: la II edizione dedicata alla «solitudine»

Torino, scadenza il 30 settembre 2013

Il Premio per la Cultura «Luigina Parodi» viene istituito nel 2012 dall’associazione Erreics onlus* a sette anni dalla scomparsa di Luigina Parodi, professoressa appassionata, che fino ad età avanzata ha dedicato la sua esperienza e il suo entusiasmo alla scuola e alla formazione. Luigina Parodi, nata a Nettuno l’11 ottobre 1920, lascia la traccia di una convinzione: «formare i giovani aiuta a formare anche gli adulti».

La seconda edizione del premio alla Cultura «Luigina Parodi» è dedicata al tema della solitudine.

Descrizione del premio:
La partecipazione al Premio è gratuita; possono partecipare tutti i giovani di Torino e Provincia di età compresa fra 14 e 20 anni sia studenti delle scuole superiori che lavoratori. Dal 1 febbraio al 30 settembre 2013 i ragazzi potranno inviare un testo (racconto, pagina di diario, autobiografia max 6000 caratteri) o un cortometraggio (max 5 minuti) realizzato su DVD sul tema della solitudine.

Il materiale, accompagnato dalla domanda di partecipazione al Premio, dovrà essere inviato: via mail a: elviralarizza@libero.it e via posta a: Elvira Larizza – via Ciamarella 31 int.1 – 10098 Rivoli (To). Nella domanda di partecipazione devono essere indicati: nome, cognome, data di nascita, indirizzo, recapito telefonico, indirizzo mail (se posseduto), scuola di appartenenza o attività lavorativa. La domanda deve essere firmata dal partecipante e, se minore, da un genitore e/o responsabile.

A ottobre verrà effettuata dalla commissione scientifica dell’associazione Erreics onlus la selezione dei tre lavori più belli.  I lavori verranno premiati a fine novembre. I premi saranno buoni cultura da spendere in diversi ambiti a discrezione dell’associazione.

Per informazioni: presidenza@erreics.org – elviralarizza@libero.it

*Erreics onlus è un’associazione senza fini di lucro che ha l’obiettivo di sviluppare attività e servizi nel campo dell’educazione e dell’aggregazione, della formazione, della promozione della cultura e dell’editoria sociale. Erreics vuole sostenere tutte le persone che vivono situazioni di disagio e che sono a rischio di esclusione sociale. La sua convinzione è che la cultura possa tornare ad essere uno strumento importante per migliorare la qualità della vita e delle relazioni. Info: www.erreics.org – info@erreics.org +39 339 8292985.

Il Premio è sostenuto da:
www.golembookshop.it, Libreria Belgravia Torino, Edizioni Angolo Manzoni, Scenario Libri e Teatro.

Con il patrocinio di:
Provincia di Torino, Polo cittadino della salute, Cittadinanzattiva Regione Piemonte, Colori quadri, Piemonte Movie, Materie Prime, Associazione nazionale Museo del Cinema.

 

«Quale futuro per la Sanità? Bisogni, risorse e formazione: la persona al centro»: 7° Convegno internazionale Associazione «Medicina e Persona»

Milano, 10-12 ottobre 2013

Si svolge da giovedì 10 a sabato 12 ottobre 2013 a Milano, presso l’Aula Magna Università Statale (via Festa del Perdono, 7), il 7° Convegno internazionale Associazione «Medicina e Persona» sul tema: «Quale futuro per la Sanità? Bisogni, risorse e formazione: la persona al centro».

Mai come oggi chi, a vario titolo, opera in Sanità ha vissuto un periodo di così grande incertezza, che riguarda lo scopo stesso del proprio lavoro, le modalità attraverso le quali questo si realizza e le risorse disponibili. L’Associazione «Medicina e Persona» ritiene che questo momento storico rappresenti l’occasione per una sfida radicale ai professionisti della salute.

Per questo motivo ha deciso di chiedersi esplicitamente «Quale futuro per la Sanità?», nel tentativo di comprendere come sia possibile, nonostante le difficoltà, riprendere a costruire qualcosa di positivo, stabile e gratificante. Bisogni, risorse, formazione e ricerca; questi sono i temi da cui ripartire, ad un’unica condizione: che la Persona nella sua interezza e complessità sia posta al centro.

Tematiche di interesse:

Bisogni: la variazione della demografia e la prevalenza di malattie croniche ci pongono di fronte a nuovi bisogni che richiedono profondi cambiamenti nel sistema. Come il singolo professionista può giocare un ruolo da protagonista?

Risorse: la drastica riduzione delle risorse implica una diversa allocazione dei fondi disponibili e pone il problema di quale sia il valore reale del rapporto di cura.

Formazione: nel futuro ci si aspetta una riduzione della popolazione medica e l’emergere di nuove figure professionali. Come verrà ripensata la formazione dei nuovi professionisti negli ospedali e nel territorio?

Ricerca: la pratica clinica necessita di indicazioni dalla ricerca che siano più riproducibili nel mondo reale (ad esempio i “patient centered outcomes”). Il settore dell’industria rivendica un ruolo più attivo nella definizione dei protocolli. Come tenere insieme tutto questo senza conflitti di interesse?

Segreteria Scientifica: Associazione «Medicina e Persona», via Melchiorre Gioia 171 Milano, tel.: 0267382754 – fax: 0267100597, e-mail: segreteria@medicinaepersona.org

Segreteria organizzativa: Limes Srl, via Melchiorre Gioia 171 Milano, tel.: 026697911 – fax: 0267100597, email: segreteria@limesmed.com

Aggiornamenti su: www.medicinaepersona.org e www.limesmed.com

 

(*) Dott.ssa Lara Reale
Giornalista scientifica
Dottore in Scienze della Comunicazione
Redazione Web Arcidiocesi di Torino
© Riproduzione Riservata