Editoriale

di redazione Bioetica News Torino
redazione Bioetica News Torino
29 giugno 2017

Gentili  lettrici e lettori,

La perfettibilità del corpo e della mente umana abita la nostra società occidentale. Dall’ossessione salutista agli interventi di chirurgia estetica fino alle nuove questioni etiche del potenziamento umano – ad esempio l’uso di farmaci e tecnologie oltre alla cura di malattie.

Competitività e modelli estetici “perfetti” proposti ed associati ad immagini di successo fanno sentire  spesso la persona umana “oggetto” che deve adattarsi ad un mondo in evoluzione. Nella fase dell’adolescenza e della giovinezza la ricerca della bellezza estetica può comportare gravi scompensi fino all’anoressia. Il corpo può rivelarsi per chi è nella delicata e complessa fase di crescita un luogo in o su cui convergere le proprie paure, tensioni, crisi interiori, disagi sociale, psichico, familiare.

In questo numero accogliamo l’analisi del rapporto fra i giovani e il loro vissuto corporeo sotto differenti piani di lettura ed approcci speculativi socio-antropologico, biblico e magisteriale, scientifico e didattico-pedagogico presentata al Corso di formazione per i docenti di religione a Torino. È stata un’iniziativa del Centro Cattolico di Bioetica torinese e l’Ufficio diocesano Scuola come spiega la referente e coordinatrice Clara Di Mezza, dottore di Ricerca in Teologia Morale e docente di Bioetica presso la Facoltà Teologica di Torino.

Con il titolo del Corso ripreso nel nostro dossier monografico «Giovani e corporeità nella società contemporanea: dal corpo esaltato e non tutelato alla cura di sé» si diffondono i preziosi contributi dei docenti. Da un inquadramento sociologico con il prof. Roberto Francesco Scalon dell’Università degli Studi di Torino si passa ad una lettura antropologico-filosofica della prof.ssa Carla Corbella, docente di Teologia Morale alla Facoltà Teologica di Torino. Poi  ad una prospettiva psicologica della prof.ssa Francesca Di Summa psicoterapeuta, didatta SIPI e presidente Istituto di Psicologia individuale «A. Adler», con un intervento sull’autolesionismo, e della dott.ssa Enrica Maria Fusaro, psicoterapeuta e didatta SIPI, formatrice e docente presso la Scuola Adleriana di Psicoterapia, che presenta i disturbi dell’alimentazione e il cutting.  Infine conclude la prof.ssa Clara Di Mezza con una relazione sulle considerazioni del «corpo dignitosamente trattato alla luce delle Sacre Scritture».

Una buona lettura,
Lo staff «Bioetica News Torino»

redazione Bioetica News Torino
redazione Bioetica News Torino
© Riproduzione Riservata