Editoriale

di Redazione Bioetica News Torino *
pubblicato il 8 novembre 2013

Cari lettori,

Non conosciamo ancora la comunicazione ufficiale del numero della raccolta delle firme per la campagna europea «Uno di Noi» che si è conclusa venerdì scorso 1 novembre. L’esito provvisorio pare comunque buono. Seppure ancora priva della verifica dei dati la classifica delle adesioni fornita dalla Commissione Europea e dall’Ufficio di Coordinamento Europeo One of Us e pubblicata sul sito registra infatti 1.849.847 firme (www.oneofus.eu – internet 11 novembre 2013).

In questo numero nella rubrica «Uno sguardo sul mondo» il filosofo e bioeticista Michele Farisco conclude la relazione «Stare più che bene. Dalla cura al potenziamento» trattando la questione etico-antrologica dell’autenticità dell’identità che l’enhancement psico-cognitivo pone.

Delle future attività del M.p.V. della sezione torinese parla il presidente Valter Boero in un’intervista video a Marco Panzarella.

Un’indagine su pazienti ospedalizzati in un reparto di medicina interna per comprendere come si recepiscano le informazioni desunte dal modulo di consenso informato e trarne considerazioni per migliorare il rapporto tra l’operatore sanitario e il paziente secondo i principi bioetici è il frutto del lavoro svolto dal professore Piero Paccotti del dipartimento di Scienze Cliniche e biologiche dell’Università degli Studi di Torino e di Emma Testa Cpsi presso A.O.U. San Luigi Gonzaga di Orbassano, in «Bioetica, consenso informato e principio di autonomia».

Mentre Ivan Raimondi, referente dell’Area Salute Mentale per gli Uffici Caritas e Pastorale della Salute dell’Arcidiocesi di Torino, riassume la giornata di studio e riflessione «Il Dolore della Mente» svoltasi il 14 settembre scorso nella sala dell’oratorio della Parrocchia S. Maria Madre della Chiesa di Settimo Torinese, Teresa Audasso responsabile dell’Ufficio di Medicina Preventiva al Fatebenefratelli di San Maurizio Canavese, ripercorre i temi discussi nei tre incontri formativi professionali sul codice deontologico infermieristico tenuti presso la medesima struttura nel mese di ottobre con il titolo: «Il Codice Deontologico come criterio guida per la riflessione etica e l’operatività quotidiana».

Venire al mondo tra opportunità e rischi. Per una bioetica della vita nascente è il recente volume delle edizioni Camilliane curato da Enrico Larghero e Mariella Lombardi Ricci, di cui la giornalista Silvia Rossi ci offre una presentazione.

Il film di questo mese è Miss Violence del regista greco Alexandros Avranas che alla 70ma Mostra Internazionale del Cinema di Venezia ha conquistato il Leone d’Argento per la migliore regia e la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile al protagonista Themis Panou. Il critico Federico Pontiggia della rivista del Cinematografo dà un ritratto delle sequenze drammatiche che narrano di incesto, suicidio, violenza e pedofilia

Nel SUPPLEMENTO «Le cure palliative» sono contenute le relazioni del convegno tenutosi a Colleretto Giacosa lo scorso giugno dal titolo: «Le cure palliative: Dall’Oncologia alle patologie internistiche», diretto dal dottore Giovanni Bersano responsabile UOCP di Ivrea e direttore Hospice «Casa Insieme» di Salerano e organizzato dall’Asl To4.

All’introduzione di Giovanni Bersano seguono le relazioni:

«Cure palliative: solo per i malati di cancro?» di Alessandro Valle, responsabile sanitario Fondazione F.A.R.O. Torino

«L’evoluzione delle cure palliative: le motivazioni etiche» di Mauro Trioni, direttore di S.C. del Distretto di Chivasso-San Mauro dell’AslTo4

«Il Progetto Cure Palliative per il Paziente non oncologico» di Lorenzo Gurioli, direttore S.C Medicina interna C – Ospedale Riuniti del Canavese

e infine l’esperienza di Enza Carandina, primary nurse – cure domiciliari presso l’AslTo4 di Ivrea in  «Continuità assistenziale fra ospedale e territorio»

Tra gli incontri del mese vi segnaliamo «Dall’affettività alla contraccezione: nuove frontiere?» dell’Ucfi di giovedì 21 e martedì 26 novembre a Torino e prossimamente, a dicembre, la giornata di studio e formativa dell’Ospedale Cottolengo «Desiderio di immortalità» che si svolgerà a Torino venerdì 6 nella Piccola Casa della Divina Provvidenza.

Vi invitiamo al Concerto di Natale di mercoledì 11 dicembre alle ore 21 con cui l’Auditorium «Santo Volto» aprirà la nuova stagione culturale. Dal palcoscenico si eleveranno sublimi note classiche  eseguite dal violinista Uto Ughi accompagnato da Alessandro Specchi al pianoforte.

È una serata benefica organizzata dal Centro Congressi «Santo Volto» in collaborazione con l’associazione culturale «Arturo Toscanini» di Savigliano con i patrocini Centro Cattolico di Bioetica, Ufficio per la Pastorale della Cultura dell’Arcidiocesi di Torino, Regione Piemonte, Provincia e Città di Torino (per info e biglietteria: www.centrocongressisantovolto)

 

Una buona lettura!

dallo staff «Bioetica News Torino»

(*) Redazione Bioetica News Torino
© Riproduzione Riservata