Editoriale

di Redazione Bioetica News Torino *
pubblicato il 10 novembre 2014

Cari lettori,

Tre notizie su cui riflettere. La recente voce di protesta dei malati di sla e gravissime malattie dinanzi al Ministero dell’Economia a Roma risveglia le coscienze di molte persone. Sono abituati alle manifestazioni in piazza per la richiesta di diritti e risorse adeguate per coprire almeno i bisogni essenziali. Una voce, la loro, che ha una buona ragione per essere inclusiva nella società e non marginale, proprio perché ne fa parte con dignità come lo ha dimostrato con orgoglio in piazza quel 4 novembre scorso.

La storia di una madre inglese Kate Allatt che Benedetta Frigerio presenta su «Tempi» del 26 ottobre 2014: a seguito di un ictus cerebrale, cade in uno stato di coma detto “sindrome locked-in”, dal quale si risveglia e lo descrive così: «Puoi pensare, puoi sentire, ma non puoi dire assolutamente nulla».

Fabiola Gianotti è la scienziata italiana chiamata ai vertici del prestigioso laboratorio di fisica europeo, il Cern di Ginevra. Un motivo di orgoglio per il nostro Paese ma su cui non bisogna adagiarsi troppo se «consideriamo che l’età media degli 11mila ricercatori che lavorano al Cern è 26 anni», come ha affermato la neodirettrice all’incontro «L’Europa della Scienza» con 120 studenti al Quirinale, svoltosi lo scorso 7 novembre.

Da questo numero di novembre potrete leggere, come vi avevamo già anticipato, ogni giorno  nuove informazioni, sempre aggiornate su quel che accade nella nostra penisola e negli altri Paesi riguardo il settore sanitario, gli aspetti etici della medicina e la bioetica contenute nelle rubriche «dall’Italia» e «dal Mondo», curate  dalla giornalista scientifica Lara Reale. Queste appariranno ben evidenziate nella parte superiore della nostra rivista accanto agli «Eventi», sempre da lei curati, che spaziano da corsi formativi accreditati e non, a conferenze e dibattiti attorno ai temi bioetici e attinenti alle diverse realtà afferenti al Centro Cattolico di Bioetica di Torino, non senza uno sguardo vigile a livello regionale e nazionale.

La professoressa Clara Di Mezza fa della personale esperienza di insegnante a contatto con giovani studenti nel presentare a educatori e genitori riflessioni su come far trasmettere i valori della vita alle nuove generazioni nell’articolo «Giovani e il valore della vita».

« La relazione d’aiuto» è al centro di due corsi formativi residenziali della Consulta Piemontese per la Pastorale della Salute che saranno tenuti a Villa Lascaris  nei giorni di venerdì 28 e sabato 29 novembre. Il direttore dell’Ufficio Pastorale per la Salute dell’Arcidiocesi di Torino e incaricato regionale Cep per la medesima  Pastorale, Marco Brunetti ne dà precise informazioni in «A Villa Lascaris “La relazione d’aiuto”».

Oltre al citato evento sulla “relazione d’aiuto” del 28 e 29 novembre p.v. a Villa Lascaris, Pianezza, tra gli eventi imminenti del Centro Cattolico di Bioetica di Torino vi segnaliamo:

martedì 11 novembre alle ore 21 «Dire “persona” oggi. “Siamo” solo se serviamo o “siamo” anche quando siamo inutili?» con il prof. don Paolo Merlo, docente ordinario di Teologia Morale presso la Pontificia Università Salesiana, presso l’Aula Magna della UPS  di Torino in via Caboto 27;

sabato 22 novembre, dalle 9 alle 13, secondo incontro della sezione torinese dell’Acos, «Revisione di Vita nell’esperienza degli operatori della salute» presso la sede dell’Acos in via San Ottavio 5, in Torino;

mercoledì 3 dicembre dalle 14 alle 18 «Riabilitazione e geriatria. Sfide etiche nella cura dell’anziano» presso il presidio Ospedaliero riabilitativo «B.V. Consolata» Fatebenefratelli di San Maurizio Canavese;

venerdì 12 dicembre dalle 8 alle 13 «La vita autentica, tra responsabilità e coscienza: prospettive per un percorso di cura» presso la Piccola Casa della Divina Provvidenza;

Seguono «Lo Scaffale» a cura del prof. Giuseppe Zeppegno della Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale – sezione di Torino; la recensione del libro «Mamme e papà: l’attesa di un bambino» di Gino Soldera, psicologo esperto di educazione prenatale e presidente nazionale Anpep, a cura di Federico Rovea; la recensione del film «Boyhood» del regista, autore e sceneggiatore Richard Linklater curata da Gianluca Arnone, critico cinematografico  e della rivista «Cinematografo».

Vi avvisiamo infine che stiamo rinnovando la nostra newsletter mensile e per adeguarci alle recenti disposizioni della legge sulla privacy (n.13 dlg 196/2003) chiediamo cortesemente di iscrivervi attraverso questo modulo.

Modulo iscrizione Newsletter

Una buona lettura!

Lo staff di «Bioetica News Torino»

 

(*) Redazione Bioetica News Torino
© Riproduzione Riservata