Fede e sofferenza di Cristo. Fil rouge della rassegna musicale al Santo Volto per l’Ostensione

Apertura con il concerto di Uto Ughi nella Chiesa San Filippo Neri

di Roberto Zoppi *
pubblicato il 12 luglio 2015
Fede e sofferenza di Cristo. Fil rouge della rassegna musicale al Santo Volto per l’Ostensione

Vi sono molte forme per manifestare la fede. L’arte costituisce sicuramente una delle espressioni umane che meglio la illuminano. Tra queste la musica ricopre sicuramente un ruolo di primo piano. Con questo spirito, durante l’Ostensione della Santa Sindone, l’Arcidiocesi, in collaborazione con l’Associazione «Cultura & Volontariato», ha pensato di organizzare quattro concerti che da prospettive diverse sapessero commentare in chiave musicale la fede e la sofferenza di Cristo.

Il Maestro e violinista Uto Ughi

Il Maestro e violinista Uto Ughi

Il primo concerto, con un grande successo di pubblico, ha visto protagonista un celebre artista, Uto Ughi, il quale ha messo il suo violino a servizio della spiritualità per un evento che si è tenuto presso la Chiesa di San Filippo Neri. Nella prima parte Le ultime Sette Parole di Cristo in Croce del compositore Joseph Haydn e la Morte e la Fanciulla di Franz Schubert, accompagnato da un quartetto per archi.
Nella seconda parte del concerto, come solista ha interpretato la Ciaccona in re minore di Johan Sebastian Bach. Il senso armonico amplificato da accordi vibranti e melodiosi ha riscaldato la Chiesa facendo entrare in un clima mistico, consono alla prima giornatadell’Ostensione della Sacra Sindone.

Nel secondo appuntamento musicale, tenutosi come gli altri presso l’Auditorium del Santo Volto, è stato eseguito lo Stabat Mater di Luigi Boccherini, soprano Magdolna Koczka con l’Ensemble Soli Deo Gloria.

Roberto Zoppi, consulente artistico Rassegna Musica & Cultura al Santo Volto_ per l'Ostensione sindonica 2015

Roberto Zoppi, consulente artistico Rassegna Musica & Cultura al Santo Volto_ per l’Ostensione sindonica 2015

Il terzo concerto, un musical dal titolo Il Risorto. Oltre il dolore e la croce di Daniele Ricci, è stato interpretato dalla Compagnia della Torre, diretta da Luigi Merlino. Il gruppo è composto da più di cento persone, volontari di grande professionalità che hanno garantito uno spettacolo di qualità.
Questo spettacolo ci ha introdotti ulteriormente nel mistero della Santa Sindone sulla sofferenza umana, ma che, attraverso quella di Cristo, apre alla speranza, alla vittoria sulla morte, proponendo in chiave di musica la passione di Nostro Signore Gesù Cristo.

Quarto ed ultimo appuntamento Il volto dei bambini il Volto di Dio, coro di voci bianche Artemusica diretto dalla professoressa Debora Bria. Questo particolare coro è composto da bambini e adolescenti, la cui voce dolce e innocente lascia vibrare le corde dell’anima. Questi ragazzi pur essendo così giovani vantano già una carriera premiata da numerosi riconoscimenti e concorsi. Nella serata, con un repertorio vario che spazia dalla musica classica a quella contemporanea; sono state eseguite musiche di Mendelssohn, Bach, Kocsar, Fauré, Rheinberger e Rutter. Il coro era accompagnato dal prestigioso quintetto degli Architorti, composto da 2 violini, viola, violoncello e contrabbasso. Il repertorio, le voci bianche, la musica hanno creato un clima suggestivo e concluso con gioia questa Rassegna musicale, nella quale attraverso generi a Autori diversi si è voluto rendere omaggio all’Ostensione della Santa Sindone, da sempre  momento di fede, di riflessione e di speranza per l’umanità intera.

Locandina  concerti al Santo Volto in occasione dell'Ostensione sindonica 2015

Locandina concerti al Santo Volto in occasione dell’Ostensione sindonica 2015

(*) Consulente artistico
© Riproduzione Riservata