Il Libro “Giornalismo digitale”

di Vilma Brignone *
pubblicato il 11 giugno 2013
Il Libro “Giornalismo digitale”

Il compito del giornalista sarà sempre meno quello di dare le notizie, perché saranno date a prescindere dalla sua partecipazione». Scrive il giornalista Sergio Maistrello nella prefazione del libro Giornalismo Digitale. Architettura, programmazione, ottimizzazione di Davide Mazzocco.

Il saggio pubblicato da Edizione della Sera fotografa lo stato dell’arte del panorama editoriale e dell’informazione online. Affronta il tema del passaggio dalla carta stampata al digitale, della riconversione di supporto e di ciò che ne deriva. A partire dal cambiamento nella produzione  di notizie, con formule e tempistica diverse, alla fruizione dell’informazione da parte del lettore: un pubblico, per lo più abituato a “galleggiare” piuttosto che “immergersi”.

In questo quadro, scrive l’autore, cambia la logica che voleva i giornalisti come unici  mediatori fra gli eventi e il pubblico. Pur conservando le vecchie norme deontologiche, il giornalista digitale deve essere conscio della necessità di un diverso confronto con la realtà nella quale gli stessi lettori, con i loro feedback, possono diventare co-autori del prodotto editoriale.

Il giornale piccola fortezza impegnata solo a difendersi dalla concorrenza non esiste più perché il lettore attivo oggi scova le notizie, le confronta , usa i motori di ricerca per  paragonare e pesare le stesse.

Nella prima delle tre aree tematiche del testo Mazzocco tratta della progettazione e architettura di un sito di informazione nell’attuale panorama editoriale e nell’era della crossmedialità. Quest’ultimo è per l’autore l’elemento di maggior supporto all’informazione online «l’inserimento di contributi audio e video ha permesso ai quotidiani online di diventare concorrenziali nei confronti di televisioni, radio e carta stampata».
Il volume porta poi nel tema della  programmazione, delle tempistiche e delle specificità di un giornale online.

Come trovare il giusto equilibrio tra il battere tutti sul tempo con notizie che potranno spostare grandi quote di traffico web e la necessità di un giusto approfondimento sul campo con la verifica delle fonti, social network compresi?  Quale è  la nuova identità di un giornale, che prima era data dalla sommatoria delle firme dei giornalisti  e che ora è in una dimensione di osmosi con i lettori?
Terzo punto nodale affrontato da Mazzocco l’ottimizzazione, ovvero, scrive Maistrello nella prefazione «le strategie per promuovere al meglio il proprio lavoro attraverso l’indicizzazione sui motori di ricerca e l’utilizzo dei social network (da Twitter a Facebook, passando per gli emergenti Googleplus e Pinterest». Cambiano le norme del giornalismo cartaceo: occorre pensare da lettore.

Il saggio si completa con interviste sulle direzioni del giornalismo digitale a Luca Conti, Giuseppe Mazzei, Antonino Morici, Luca Rolandi, Vera Schiavazzi, Giuseppe Smorto.


Davide Mazzocco entrato nel mondo dell’informazione online con Sports.com nel 2000, è attualmente redattore di «Quotidiano Piemontese» e collaboratore dei magazine «Slow Food», «Süden Mittelmeerküche», «Narcomafie» ed «Extratorino». Esperto di comunicazione, cura diversi uffici stampa in ambito culturale, sportivo e turistico.
In passato ha scritto per i quotidiani «L’Unità», «Terra» e «L’Adige» e per i magazine «Ciclismo», «Alp», «La Nuova Ecologia» e «Sport Week» Fra le sue precedenti pubblicazioni ricordiamo  Storia del ciclismo (Bradipolibri) e Javier Bardem biutifulactor (Falsopiano).


MAZZOCCO D.

Giornalismo digitale

Architettura, programmazione, ottimizzazione

Collana Saggistica Cronache moderne
Edizioni della Sera, Roma 2012
€ 15,00

(*) Vilma Brignone
Giornalista
© Riproduzione Riservata