La durata dell’allattamento al seno si riflette sul Qi

a cura di Lara Reale *
pubblicato il 23 marzo 2015
La durata dell’allattamento al seno si riflette sul Qi

Secondo uno studio su “The Lancet global health”, una durata più lunga dell’allattamento al seno si associa a un quoziente intellettivo più elevato in età adulta, a una migliore scolarizzazione e a guadagni più alti nella vita lavorativa. «L’effetto dell’allattamento al seno sullo sviluppo cerebrale e sull’intelligenza è ben definito, ma i suoi effetti in età adulta sono meno chiari» esordisce Bernardo Lessa Horta dell’Università federale di Pelotas in Brasile, coautore dell’articolo. E prosegue: «Contrariamente a ricerche precedenti, criticate per non aver distinto lo stato socio-economico della madre dall’effetto dell’allattamento al seno, quest’ultimo, nella popolazione da noi studiata, non era più comune tra le donne istruite ad alto reddito, ma uniformemente distribuito tra le classi sociali».

Horta e colleghi hanno seguito in modo prospettico quasi 6.000 bambini nati a Pelotas nel 1982 raccogliendo informazioni sull’allattamento al seno nella prima infanzia. Dopo aver sottoposto i partecipanti a un test d’intelligenza all’età di 30 anni, i ricercatori hanno raccolto i dati sui risultati scolastici, sul reddito personale e familiare al momento della nascita, sul grado di istruzione dei genitori, sul fumo materno in gravidanza, sul tipo di parto e sul peso alla nascita, ottenendo tutte le informazioni necessarie da parte di poco più della metà dei partecipanti, 3.493 persone. E i risultati mostrano un’associazione diretta tra durata dell’allattamento al seno e, nei figli adulti, quoziente intellettivo, scolarizzazione e guadagni lavorativi. «In altri termini, più a lungo il bambino viene allattato al seno, maggiori sono i suoi benefici in età adulta» riprende l’autore, ipotizzando che il meccanismo alla base dell’effetto potrebbe essere il maggiore apporto con il latte materno di acidi grassi saturi a catena lunga (Dhas), essenziali per lo sviluppo cerebrale.

E in un editoriale di commento Erik Mortensen dell’Università di Copenhagen in Danimarca, scrive: «Per la prima volta uno studio suggerisce che gli effetti dell’allattamento al seno sullo sviluppo cognitivo persistono in età adulta, aprendo la strada a importanti implicazioni di salute pubblica. Tuttavia, prima di trarre conclusioni definitive, servono studi di conferma».

fonte: Doctor 33 http://www.doctor33.it/

approfondimenti: http://www.thelancet.com/journals/langlo/article/PIIS2214-109X(15)70002-1/abstract

 

(*) Lara Reale
Giornalista Scientifica
Redazione Web Arcidiocesi di Torino
© Riproduzione Riservata