News dall'Italia

Nei PS delle Molinette e Cto, migliora il servizio del Triage con schede multilingue per gli stranieri

18 Luglio 2020

Le Molinette e il CTO di Torino saranno i primi ospedali della AOU Città della Salute e della Scienza di Torino dove nei Pronto Soccorso i cittadini stranieri potranno finalmente comunicare nella propria lingua – al momento la possibilità include 5 lingue inglese, arabo, cinese, albanese e romeno −  le risposte alle domande più semplici  dove hai male, la scala del  dolore, quali i sintomi etc..   formulate in una scheda,  con l’ausilio degli infermieri del Triage addetti alla valutazione della tipo di criticità, che viene espressa con l’assegnazione di codici dai colori diversi, dal rosso al bianco.

«A poco servono gli strumenti, quali i traduttori online dei cellulari o i frasari cartacei. Il tempo è poco, la condizione di urgenza richiede tempestività e precisione», afferma l’Azienda sanitaria che per questo motivo  ha  voluto istituire un gruppo  a cui prendono parte ai lavori, sotto il coordinamento del dr. Mario Caserta dell’Area Progetti URP, infermieri provenienti dai diversi PS ospedalieri della Città della Salute ed esperti del Gruppo di Formazione  per la stesura di  6 schede multilingue da usare in PS,  adattate secondo le  necessità e caratteristiche di ciascun  Pronto Soccorso e tradotte da mediatori culturali dell’ospedale che possono, diversamente dai traduttori automatici, «contestualizzare la domanda allo specifico antropologico di provenienza della persona straniera».  Man mano che si procede nella compilazione delle schede la raccolta dei dati diventa sempre più approfondita; si parte con una prima scheda che presenta una sagoma umana su cui indicare il male e delle domande sulla soglia e degli intervalli del dolore a cui seguono altre per la valutazione dei sintomi  e suddivise per distretto anatomico contenenti  diverse opzioni  di risposta tradotte.
A breve le schede saranno anche nelle traduzioni in spagnolo, francese e russo.

Il riflesso della società in cui oggi viviamo, dove culture ed etnie diverse convivono,  emerge dai dati di un Pronto Soccorso.  Gli accessi della presenza straniera registrati nel 2019 nella Città della Salute sono stati 10.279 su 65.678 in totale alle Molinette,  al CTO 4002 su 43.035, al Regina Margherita  6.948 su 35.040 e al Sant’Anna 4.139 su 16.105.
Riguardo alla nazionalità la maggior parte proveniva dalla Romania, a cui fa seguito poi Marocco e Albania. Gli altri Paesi sono Perù, Egitto, Cina, Nigeria.

Redazione Bioetica News Torino