«Responsabilità della medicina e speranze dell’uomo»: corso a cura dell’associazione Libertà e Giustizia


Perugia, PG, da sabato 29 novembre 2014 a domenica 30 novembre 2014
Corso
a cura di Lara Reale *
pubblicato il 31 ottobre 2014

Il 29 e 30 novembre 2014 a Perugia, presso l’Etruscan ChocoHotel – Via Campo di Marte 134, si tiene il corso su «Responsabilità della medicina e speranze dell’uomo» a cura del Circolo di Perugia dell’associazione Libertà e Giustizia nell’ambito della Scuola di Formazione Politica.

Mentre scienza e medicina continuano a sollevare importanti questioni che toccano i temi della bioetica, a livello politico qualsiasi dibattito in merito è assente in omaggio ad una presunta pacificazione funzionale alle larghe intese. Libertà e Giustizia continua a ritenere doveroso alimentare la consapevolezza civile e collettiva su questioni, quelle bioetiche, che sono di massima importanza proprio perché coinvolgono l’uomo, la sua salute, i suoi progetti di vita, persino le sue speranze. Ed è proprio dalle aspettative, più o meno fondate, sulle capacità della scienza e della medicina di guarire le malattie, ma anche di evitarle e finanche di migliorare lo stato fisico e mentale delle persone, che da ultimo sono emerse questioni di grande importanza. Basti pensare al caso Stamina e alle speranze dei pazienti affetti da malattie incurabili, al caso degli interventi mirati alla prevenzione, portati all’attenzione del grande pubblico dalla notizia della decisione di una nota attrice di farsi asportare entrambi i seni a scopo di prevenire il cancro, al dibattito sempre attuale sui farmaci capaci di potenziare le prestazioni fisiche e mentali.

Ma di fronte alle speranze, alle attese, alle aspettative delle persone ci sono anche le responsabilità della scienza, della medicina e della politica. Anche a questo proposito molte questioni si sono poste di recente, quali ad esempio quelle sulle modalità dell’autorizzazione all’avvio di una sperimentazione, sui diritti dei malati ad essere inclusi nel processo sperimentale o comunque a fruire di farmaci non sperimentati o sui limiti e sulle condizioni della sperimentazione su animali

Su questi temi la società civile continua a domandare una informazione corretta e fonti di conoscenza autorevoli e rigorose. Questo per potersi fare un’idea, elaborare una opinione, interloquire con medici e scienziati, ma soprattutto per chiedere alla politica di non sfuggire al proprio dovere di fornire, quando necessario, le dovute risposte.

 

Leggi tutto il programma

Programma dettagliato:

29 novembre 10.00 – 13. 00

Gilberto Corbellini – La sperimentazione medica fra scienza e politica
Carlo Riccardi – Limiti e prospettive della sperimentazione sull’uomo e sugli animali
Pier Giuseppe Pelicci – Le cure sperimentali e le malattie incurabili
light lunch

29 novembre 15.00-18.00

Fausto Cardella – La giustizia, il diritto e le speranze di fronte al caso Stamina
Alessandra Pioggia – Il diritto di fronte allo sviluppo della scienza e alle speranze della persona
Vincenzo Sorrentino – Il ruolo della biopolitica nel rapporto fra scienza e società
cena

30 novembre 9.00-12.00

Mauro Bacci – La sperimentazione medica e le responsabilità dello scienziato
Paolo Benanti – L’umano di fronte ai propri limiti e le prospettive dell’enhancement
Fausto Grignani – La scienza, la medicina e la “naturalità” dell’umano

 

 

Scheda Evento

Data evento

dal 29 novembre 2014 al 30 novembre 2014

Tipo di evento

Corso

Luogo

Contatti per informazioni

 

Mappa

Mappa

Via Campo di Marte, 134, Perugia, PG, Italia

(*) Lara Reale
Giornalista Scientifica
Redazione Web Arcidiocesi di Torino
© Riproduzione Riservata