Sinergie tra scienza prenatale e famiglia dinanzi a problemi di anomalie congenite fetali


Roma, sabato 28 aprile 2018
Corso di Formazione
di redazione Bioetica News Torino *
pubblicato il 7 aprile 2018
Sinergie tra scienza prenatale e famiglia dinanzi a problemi di anomalie congenite fetali

La Fondazione «Il Cuore in Una Goccia» Onlus* promuove in collaborazione e con il patrocinio del Centro pastorale Università Cattolica  del «Sacro Cuore», U.O.C. Patologia Ostetrica e  Hospice Perinatale del Policlinico «A. Gemelli» e  Istituto di Bioetica dell’Università Cattolica del «Sacro Cuore» il Primo Corso di Formazione sul tema «Sinergie tra scienza prenatale e famiglia dinanzi a problemi di anomalie congenite fetali», sabato 28 aprile, presso l’Aula Brasca del Policlinico Universitario «A. Gemelli» di Roma.

Sede: Aula Brasca,  Policlinico A. Gemelli, n. 1, Roma

Obiettivo: attuare il passaggio dall’informazione alla conoscenza che affronti il problema delle diagnosi prenatali infauste negli aspetti della prevenzione, della diagnosi, dell’accoglienza, delle cure prenatali, delle cure palliative e di supporti di tipo psicologico e psicoterapeutico per operatori sanitari e per famiglie che impattano con questa problematica prenatale. Il percorso formativo nasce per fornire, a tutti coloro che intendono svolgere un servizio orientato alla tutela e difesa della vita nascente, le conoscenze e gli strumenti operativi necessari per adempiere al meglio a questo delicato compito, seguendo quell’iter operativo già delineato dal Cuore in una Goccia.

Nell’attuale panorama sociale, si delinea una condizione che vede tutte quelle famiglie che si trovano ad affrontare una diagnosi prenatale patologica, collocarsi in un limbo di dolore e solitudine, senza punti di riferimento né vie d’uscita. È qui che si inserisce il lavoro portato avanti dalla Fondazione il Cuore in una Goccia Onlus che risponde a queste condizioni di sofferenza sfruttando le sinergie derivanti dall’unione di tre tipi di risposte: una che poggia sui risultati della medicina e le evidenze della scienza, una che si fonda sulla condivisione delle esperienze e sull’appartenenza ad un gruppo/famiglia; e un’altra che segue i percorsi dello spirito.
Ne deriva un’opera che travalica i confini della sola attività solidale, fino a diventare un vero e proprio servizio sociale che sopperisce a tutte quelle carenze, in ambito legislativo e di politica sociale, che condannano queste famiglie alla solitudine, lasciandole esposte a pressioni e sofferenze psicologiche inimmaginabili. Le problematiche in questione sono strettamente legate ad impostazioni culturali, carenze informative, vuoto di valori, debolezze umane e spirituali.

Si rivolge a: famiglie, volontari, medici (ginecologi, ostetriche, neonatologi, neuropsichiatri infantili, psicologi e ogni altra categoria interessata), specializzandi, studenti e  chiunque desideri  acquisire competenze sui temi che verranno trattati.

Apertura dei lavori:  monsignor Claudio GIULIODORI, Assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e il professor Antonio LANZONE, direttore di Clinica e Patologia Ostetrica (U.O.C.) del Polo della Salute della Donna e del Bambino – Policlinico Universitario A. Gemelli.

Il programma comprende 4 sessioni. La prima Accoglienza e cure prenatali (prof. Giuseppe NOIA, arch. Anna Luisa LA TEANO, Sig.ra Angela BOZZO, testimonianza Famiglia CASULA): ACCOGLIENZA. Nell’espletamento delle sue attività, l’accoglienza configura, per Il Cuore in una Goccia, un vero e proprio modus operandi. L’accoglienza è portatrice di beneficio in termini di salute fisica, psichica, emozionale e spirituale. Sotto il profilo medico, l’accoglienza si traduce in un arricchimento in termini umani del più tradizionale counselling. Ne scaturisce un approccio alla consulenza che, pur ottemperando al dovere imprescindibile di fornire un’informazione medico- scientifica corretta ed esaustiva, non perde mai di vista la concezione del paziente come “persona” e il rispetto di sentimenti, emozioni, fragilità, specie quando conseguono ad una diagnosi infausta appena pronunciata. Ne deriva un’attenzione ai dettagli nell’interazione medico-paziente che, alla fine, “alleggerisce” il peso della diagnosi patologica, rasserena, dà speranza e, complessivamente, delinea quel quadro di positività che si accompagna ad una consulenza “realmente” ben eseguita (soprattutto dal punto di vista del paziente). L’accoglienza è anche la percezione di essere parte di una comunità, di un gruppo, per condividere le esperienze, intraprendendo un viaggio insieme agli altri, che si trasforma in una vera e propria terapia.
CURE PRENATALI. Le tecniche d’avanguardia che permettono di curare, fare analgesia, migliorare le condizioni dei bambini affetti da patologie prenatali, con interventi effettuati prima ancora della nascita,  sono illustrate dal Prof. Giuseppe Noia.

La seconda Hospice perinatale (prof.ssa Patrizia PAPACCI, dr.ssa Ada RUBINI: Il lavoro nell’Hospice è  raccontato e spiegato dai medici del team dell’Hospice Perinatale – Centro per le Cure Palliative Prenatali «Santa Madre Teresa di Calcutta» del Policlinico Gemelli di Roma.

La terza Lutto perinatale e accettazione del  bambino con patologia (dr.ssa Daniela CHIEFFO): il  tema  è trattato da specialisti del settore per comprendere i percorsi che portano alla guarigione delle ferite psicologiche delle mamme e delle famiglie.

La quarta Bioetica  (prof. Antonio G. SPAGNOLO): le problematiche etiche che contrappongono i progressi della scienza al rispetto dei valori fondanti dell’essere umano.

Chiusura dei lavori: don Paolo MOROCUTTI, assistente pastorale dell’Università Cattolica del «Sacro Cuore».

Al termine del Corso verrà rilasciato un Attestato di partecipazione.

Iscrizione al Corso:  compilare e inviare il modulo di iscrizione presente nel sito della Fondazione Il Cuore in una Goccia Onlus  a info@ilcuoreinunagoccia.com,  www.ilcuoreinunagoccia.com


* La Fondazione Il Cuore in una Goccia è un ente senza scopo di lucro, apartitico e apolitico, che ha lo scopo di favorire, sostenere e promuovere l’attività di ricerca scientifica e la diffusione di una cultura preconcezionale, prenatale e postnatale che tuteli la vita e la salute della madre e del bambino. La fondazione si impegna a sostenere concretamente tutte le donne, in gravidanza e non, con un’assistenza basata sulla vita, un’accoglienza amorevole, un accompagnamento della Vita nascente nella Fede e nella Speranza, intervenendo umanamente con i più alti standard medici, etici e scientifici. (tratto dal sito www.ilcuoreinunagoccia.com/mission).

 

Scheda Evento

Data evento

28 aprile 2018

Orario

Dalle ore 9.00 alle 16.30

Tipo di evento

Corso di Formazione

Luogo

Contatti per informazioni

Per iscrizioni e informazioni:
Fondazione Il Cuore in una Goccia Onlus
info@ilcuoreinunagoccia.com
tel. 393 850 5674

 

Allegati

 
 

Mappa

Mappa

Policlinico A. Gemelli, Roma

(*) redazione Bioetica News Torino
© Riproduzione Riservata