La carità è inventiva all’infinito

«Donne sole con bambini, famiglie in difficoltà, migranti, vittime della tratta, anziani senza dimora, sono i volti dell’impegno «a tutto campo» dei Gruppi di Volontariato Vincenziano torinesi e del Piemonte. Un impegno che nello stile di San Vincenzo de’ Paoli che 400 anni fa fondava la prima Carità, è operativo, silenzioso e sfugge alle auto celebrazioni. Così nell’anno in cui si festeggiano i 4 secoli dalla nascita dei Gruppi di Volontariato Vincenziano, sul nostro territorio il ricordo si è svolto nella preghiera il 28 settembre in Duomo, con una giornata di sensibilizzazione sul problema della casa che tocca tutte le forme di povertà di oggi e ora con il convegno»: è la presentazione  del Gruppo Vincenziano  che celebra il quarto centenario della Fondazione (La Voce e il Tempo, 15 ottobre 2017, p. 2-3).

Luogo del convegno:  Torino, al Centro Congressi, in via Costa 8.

Il primo gruppo vincenziano  nasce a Pianezza nel 1955. Il carisma di San Vincenzo  fondato su basi spirituali e dottrinali.
Interverranno nella giornata di riflessione sul passato e tesa al futuro Paolo Cozzo, Marta Margotti e Andrea Merlotti, suor Angela Pozzoli, Silvio Magliano, don Ermis Segatti e due giovani volontari: Dario Ghiringhelli e Ludovica Miglietta. Al pomeriggio in difterita dal Vaticano il discorso di Papa Francesco al Simposio  della Famiglia vincenziana, celebrazione che prosegue dal 12 ottobre e si concluderà domenica 15 p.v.

 

14 Ottobre 2017
Fino al 14 Ottobre 2017
Dalle 9.00 alle 17.00
Convegno nazionale
Torino
Redazione Bioetica News Torino