Sostieni Bioetica News con una donazione. Sostieni

News dall'Italia

“No” alla cannabis. Nasce il comitato per il NO in risposta al Referendum legalizzazione della cannabis

12 Gennaio 2022

Il Referendum popolare sulla legalizzazione della cannabis si è concluso il 28 ottobre 2021 con la presentazione di circa 630mila firme raccolte alla Corte di Cassazione che entro marzo emetterà un giudizio di ammissibilità o meno sul quesito referendario.

Cosa dice il referendum? Chiede l’abrogazione del decreto legge del Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, «limitatamente alle seguenti parti: articolo 73, comma 1, limitatamente all’inciso “coltiva”; articolo 73, comma 4, limitatamente alle parole “la reclusione da due a 6 anni e”; articolo 75, limitatamente alle parole “a) sospensione della patente di guida, del certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e del certificato di idoneità alla guida di ciclomotori o divieto di conseguirli per un periodo fino a tre anni”».

I promotori del referendum mirano da un lato a depenalizzare la coltivazione di tutte le sostanze stupefacenti e non solo della cannabis, come da essi dichiarato nel sito del referendum e dall’altro a ridurre la pena per chi produce, fabbrica, estrae, raffina, vende, offre o mette in vendita, cede, distribuisce, commercia, trasporta, procura ad altri, invia, passa o spedisce in transito, consegna per qualunque scopo sostanze stupefacenti o psicotrope, se il fatto è di lieve entità, togliendo arresto e lascia sanzioni amministrative non dando chiarezza sui riferimenti normativi.

Il 21 dicembre 2021 si è costituito il Comitato per il NO al referendum per l’abrogazione di parti significative del Testo Unico sugli stupefacenti, presieduto dal professor Angelo Vescovi, direttore scientifico dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza e dell’Istituto Mendel, e a cui si uniscono Stefano Bani, Daniela Bianchini, Giovanni Falcone, Elena Fruganti, Marco Invernizzi, Lorenza Jesurum, Domenico Menorello, Stefano Nitoglia, Daniele Onori, Massimo Polledri e Luisa Santolini.

Il Comitato nasce allo scopo, come si legge dal sito www.nodrogalegale.it, di «consolidare e promuovere solidarietà sociale, per una democrazia realmente inclusiva per il rispetto della libertà e della dignità di ogni persona, riteniamo indispensabile il mantenimento delle leggi attuali». L’ intento che dà voce al Comitato per il No al referendum sulla droga è il medesimo che ha spinto la prof.ssa Assuntina Morresi, docente all’Università di Perugia e componente nazionale per la Bioetica a costituire il Comitato per il No al referendum sull’eutanasia per abrogare parzialmente l’articolo del Codice penale n 579 che punisce l’omicidio del consenziente, sul sito https://www.noallomicidiodelconsenziente.it, di cui fanno parte Elisabetta Caponi, Emmanuele Di Leo, Carmelo Leotta, Domenico Menorello, Eugenia Roccella, Eva Sala, Angelo Salvi.

Quali sono i motivi del Comitato per il No sul referendum sulla droga?

  1. Perché viene presentato come una liberalizzazione delle cosiddette droghe leggere (definizione scientificamente inappropriata) e apre invece alla libera coltivazione di ogni tipo di droga e al libero traffico di quelle cosiddette leggere
  2. Pensiamo da una parte ai giovanissimi, esposti alla “cultura dello sballo” e a un’informazione spesso falsa e superficiali

Inoltre 3. il Comitato ritiene la necessità di porre un dibattito approfondito, che tenga conto di tutte le ragioni in campo, e permetta agli elettori di conoscere per deliberare in piena consapevolezza.

Dal sito del Comitato per il No alla droga www.nodrogalegale.it viene dato l’indirizzo email info@nodrogalegale.it a cui scrivere per avere maggiori informazioni e potervi aderire.

redazione Bioetica News Torino