Ancora pochi giorni per iscriversi al Master di Bioetica. Scopri i dettagli

News dall'Italia

Nuovo Decreto anti -Covid 19, obbligo mascherina negli spazi chiusi e all’aperto

08 Ottobre 2020

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha spiegato ieri all’incontro con i media il motivo e le novità del nuovo decreto approvato ieri, 7 ottobre, e in vigore da oggi, 8 ottobre (DPCM 7 ottobre 2020, misure urgenti con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza …., n.125 pubblicato in GU il 7 10. 2020, n. 248), che era stato annunciato dal ministro Speranza nei giorni scorsi durante l’informativa alle Camere durante il resoconto delle misure intraprese anti-contagio in Italia con un confronto con il contesto internazionale: «C’è una risalita della curva di contagio da cui la decisione di prorogare lo stato di emergenza fino al 31 gennaio prossimo e abbiamo ritenuto opportuno recuperare il rapporto tra stato e regioni che avevamo costruito anche nella fase più dura; d’ora in poi le regioni potranno adottare misure più restrittive rispetto a quelle adottate a livello nazionale, invece saranno limitate nelle misure di allentamento, previste solo di intesa con il ministro della Salute».

Il recente decreto mantiene la validità delle misure adottate con il testo precedente del 7 settembre scorso, fino al 15 ottobre e mantiene lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2020 con le disposizioni già in vigore con la possibilità di nuovi provvedimenti in base all’andamento epidemiologico e alla pericolosità della diffusione virale da Covid-19.

NOVITÀ

  • mascherina. Introdotta una misura più rigorosa: SPAZI APERTI- CHIUSI. obbligo di portare sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie, senza distinzione tra luoghi chiusi accessibili al pubblico e all’aperto ad eccezione in cui ci si trovi in luoghi o in circostanze in cui la condizione di isolamento sia garantita in modo continuativo e nel rispetto a persone non conviventi.
    Si raccomanda, ha detto il presidente del Consiglio Conte, soprattutto nelle abitazioni private di avere riguardo nell’indossare la mascherina o nel mantenere il distanziamento quando vi sono persone non conviventi o amici per il rischio di diffusione di contagio. ATTIVITÀ PRODUTTIVE, ECONOMICHE, AMMINISTRATIVE E SOCIALI: si mantiene l’osservanza dei protocolli e linee-guida anti-contagio finora vigenti. SI PREVEDE LA NON OBBLIGATORIETÀ per i bambini meno di 6 anni di età, le persone affette da patologie o portatori di disabilità per i quali l’uso della mascherina non è possibile. ATTIVITÀ SPORTIVA: non è obbligatorio durante l’attività.
  • stato di emergenza. Per motivi di protezione e prevenzione sanitaria legate alla diffusione del Covid-19 anche a carattere transfrontaliero, lo stato di emergenza viene prorogato fino al 31 gennaio 2021.
  • cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario e cassa integrazione in deroga – Covid 19. I termini di invio delle domande vengono slittati al 31 ottobre 2020.
  • inserimento del SARS-CoV-2 nell’elenco degli agenti biologici che causano malattie infettive nell’uomo. causanti malattie infettive nell’uomo.
  • APP Immuni. Si estende il periodo di fruizione.
Redazione Bioetica News Torino