Editoriale

a cura di Redazione Bioetica News Torino
pubblicato il 13 luglio 2015

Cari lettori,

nella  due giorni intensa  di visita a Torino  per la Sindone e il bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco Papa Francesco è stato accolto presso la Casa della Divina Provvidenza. All’incontro con i malati e i disabili ha fatto notare come purtroppo «l’esclusione dei poveri e la difficoltà per gli indigenti a ricevere l’assistenza e le cure necessarie sia  una situazione presente ancora oggi».

Alla sofferenza nelle sue diverse declinazioni si è riflettuto, attingendo alla relazione tra il volto del Sofferente e i volti della sofferenza nella cornice dell’Amore che salva, tema che ha accompagnato la solenne Ostensione della Sindone,  nel convegno internazionale tenutosi nei giorni 22 e 24 maggio al centro congressi «Santo Volto».  L’argomento è stato approfondito nelle varie sezioni sia sul piano biblico, teologico, pastorale e delle testimonianze. Non  è mancata l’occasione per segnalare le  situazioni di fragilità e cercare  risposte concrete ai problemi assistenziali e sociali presenti nella nostra realtà italiana.

Il Convegno è stato organizzato dall’Ufficio diocesano per la Pastorale della Salute in collaborazione con il Centro Camilliano di Pastorale della Salute -Torino, la Piccola Casa della «Divina Provvidenza» – Cottolengo di Torino e l’Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio «Fatebenefratelli», col patrocinio e la partecipazione del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari, dell’Ufficio nazionale per la Pastorale della Salute – Cei, dell’Ordine dei CC.RR. Ministri degli Infermi Camilliani, della Piccola Casa della Divina Provvidenza – Cottolengo e del Comitato per l’Ostensione Solenne della Sindone 2015. L’occasione  è stata l’Ostensione della Sindone. Tra i relatori che  hanno approfondito tale tema vi erano personalità di alto profilo teologico e scientifico a partire da S. Ecc Monsignor Zygmunt Zimowski, Presidente del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari (per la Pastorale della Salute) presso la Santa Sede,   a cui è stata affidata la «lectio magistralis», «L’Amore che salva. A trent’anni della Lettera Apostolica “Salvificis Doloris”».

Una buona lettura,
«Bioetica News Torino»

(*) Redazione Bioetica News Torino
© Riproduzione Riservata