Ancora pochi giorni per iscriversi al Master di Bioetica. Scopri i dettagli

News dall'Italia

Avviata l’indagine europea sul ruolo delle cure palliative nei percorsi di cura dei malati con Sla Si rivolge ai palliativisti. Il questionario rimane disponibile fino al 31 dicembre 2020

07 Novembre 2020

È elaborata dal Gruppo di Riferimento per la Neurologia dell’Associazione europea per le cure palliative (EACP) e dagli studiosi del Panel scientifico dell’Accademia Europea di Neurologia (EAN). Si tratta di un’iniziativa di ricerca che si prefigge di comprendere ulteriori informazioni sull’interazione tra cure palliative e neurologia nei servizi di cura delle persone affette da Sla, in particolar modo riguardo a misura, modalità e tempo in cui le cure palliative sono coinvolte.
Le linee guida internazionali, tra cui la NICE nel Regno Unito e EAPC-EAN a livello europeo, raccomandano le cure palliative nei tempi precoci durante il decorso delle patologie neurologiche. Tuttavia, come afferma la nota pubblicata sul sito italiano sicp.it, « i dati disponibili testimoniano di una attivazione di questi servizi sono nelle fasi di fine vita di questi pazienti».

Il progetto di ricerca è guidato dal professor David Oliver del Tizar Center University of Kent in Canterbury. Il questionario, che è on line e la cui raccolta dei dati rimane anonima, richiede una ventina di minuti per la compilazione.

Per informazioni: Dr Simone Veronese, Fondazione Faro di Torino simone.veronese@fondazionefaro.it; Prof. David Oliver, University of Kent drdjoliver@gmail.com

Dal 12 al 14 novembre si svolgerà il XXVII Congresso nazionale della Società Italiana di Cure Palliative che verterà sul loro ruolo futuro nei modelli di cura, nelle necessità clinico- assistenziali, nella comunicazione-relazione e sulle opportunità della rete digitale, considerando un’analisi sull’impatto del Covid.

Il XVII Congresso mondiale EAPC si terrà anch’esso in modalità on line dal 6 all’8 ottobre 2021, dal titolo Exploring news dimentions, in cui saranno trattate tematiche concernenti l’inclusività nelle cure palliative (R, Harding), l’innovazione tecnologica e artificiale (R. Raj), sulla crisi degli oppioidi (J. Cleary), nuovi modelli (I. Griffioen), la sfide delle malattie mentali (D. Parker) e sul futuro delle cure palliative (S. O’Mahony).

Redazione Bioetica News Torino