Ancora pochi giorni per iscriversi al Master di Bioetica. Scopri i dettagli
67 Aprile 2020
Speciale Emergenza Epidemiologica Covid-19: Riflessioni

Il Libro. «Pensiero alla morte». Sul senso della vita» di Stercal C. (ed)

Ecco: mi piacerebbe, terminando, d’essere nella luce. […]
Vi è la luce che svela la delusione d’una vita fondata su beni effimeri e su speranze fallaci.
Vi è quella di oscuri e ormai inefficaci rimorsi.
Vi è quella della saggezza che finalmente intravede la vanità delle cose e il valore delle virtù
che dovevano caratterizzare il corso della vita: vanitas vanitatum

PAOLO VI, Vanità delle vanità 

Le insicurezze, le speranze e i timori di uno dei papi più amati della storia sono raccontati dal prelato d’onore della diocesi di Milano, monsignor Claudio Stercal,  attraverso la rilettura dei passi più significativi del “Pensiero alla morte”. Sul senso della vita, l’opera più discussa del Papa Paolo VI, nel volume da lui curato edito da Cantagalli (2020, pp. 120).

Per la sua datazione emergono, come riporta il curatore  Stercal  due punti di riferimento disponibili, la testimonianza del suo segretario personale,  monsignor Pasquale Macchi, e il notes sul quale il Pensiero alla morte è stato scritto e  attualmente conservato presso l’Archivio dell’Istituto Paolo VI a Concesio (Bs.). Composto probabilmente tra il marzo 1965 e il febbraio 1966, “Pensiero alla morte”. Sul senso alla vita, nei primi anni del suo pontificato,  continua a suscitare l’interesse di esimi teologi e religiosi in tutto il mondo.

Il titolo, però, non deve trarre in inganno. Scrive il professore Stercal: «il testo non è uno scritto “sulla” morte, ma “in vista della” morte, cioè nella prospettiva della sua imminenza e ineluttabilità, ed è una delle riflessioni più mature e affascinanti, scritte sino ad oggi, sul senso della vita». L’elaborato non è da intendersi come il semplice frutto di una lunga meditazione personale svolta durante un periodo di ritiro a Castelgandolfo, piuttosto nell’intento di predisporre − con la delicatezza e la raffinatezza che hanno sempre contraddistinto le opere di Paolo VI − un testo che mostrasse ai fedeli la via per comprendere il senso della vita, in modo da fornire un fondamento più solido alla speranza e alla fede e rinvigorendo la forza dell’amore verso Cristo.

Vero e proprio testamento spirituale, Pensiero alla morte regala al lettore un excursus profondo e sapiente sulla vita straordinaria di Paolo VI, raccogliendo «i frutti di una ricca e variegata esperienza umana, di una raffinata preparazione culturale e di una solida visione teologica». La morte – «l’immancabile sorte», come definita da Paolo VI, che coinvolge in modo incontrovertibile sia la dimensione personale che quella morale dell’uomo – segna certamente la chiusura con il mondo terreno, ma può rappresentare anche il tramite per giungere alla metamorfosi dello spirito e alla celebrazione di nuovi, sorprendenti realtà.

Un testo, dunque, assolutamente unico in grado di aiutare il lettore a riconoscere e a perseguire il proprio cammino spirituale.

Come scrisse Paolo VI:

«Vedo che la considerazione prevalente si fa estremamente personale: io, chi sono? Che cosa resta di me? Dove vado? E perciò estremamente morale: che cosa devo fare? Quali sono le mie responsabilità? E vedo anche che rispetto alla vita presente è vano avere speranze; rispetto ad essa si hanno dei doveri e delle aspettative funzionali e momentanee; le speranze sono per l’al di là. […] Ma, in ogni modo, sembra che il congedo debba esprimersi in un grande e semplice atto di riconoscenza, anzi di gratitudine: questa vita mortale è, nonostante i suoi travagli, i suoi oscuri misteri, le sue sofferenze, la sua fatale caducità, un fatto bellissimo, un prodigio sempre originale e commovente, un avvenimento degno d’essere cantato in gaudio e in gloria: la vita, la vita dell’uomo!».

PAOLO VI, PENSIERO ALLA MORTE CANTAGALLI 2020 COP STERCAL C. (ed)

«Pensiero alla morte»

Sul senso della vita

Collana «A caccia di Dio»
Cantagalli, Siena 2020, pp. 120
€ 13,00

© Bioetica News Torino, Aprile 2020 - Riproduzione Vietata